Agrigento, presentato il calendario 2012 dell’Arma dei carabinieri (VIDEO)

Questa mattina a Roma, nell’Aula Magna della Scuola Ufficiali, presentato il Calendario 2012 dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Comandante Generale Leonardo Gallitelli.

 

Iniziative anche in Sicilia, nei vari comandi provinciali. Anche il Comando provinciale di Agrigento ha voluto presentare il calendario 2012 dell’Arma. Stamattina il colonnello Riccardo Sciuto, con a fianco il tenente colonnello Salvo Leotta e il capitano Nicolò Pisciotta, ha voluto raccontare i particolari e la storia raccolta nella 79^ edizione dello storico calendario dell’Arma.

Guarda l’intervista al colonnello Sciuto in onda su Sicilia Tv e in rete su youtube.com/siciliatv

Il calendario storico dell’Arma dei Carabinieri è nato nel 1928. Dopo l’interruzione post-bellica dal 1945 al 1949, la sua pubblicazione giunta ormai alla 79^ edizione, venne ripresa regolarmente nel 1950 e da allora è stata puntuale interprete, con le sue tavole, delle vicende dell’Arma e, attraverso di essa, della storia d’Italia, che nel 2011 celebra i suoi 150 anni. Il Calendario 2012 ripercorre le tappe del Bicentenario dell’Arma dei Carabinieri: dallo Stato unitario alla formazione della coscienza nazionale, nel segno dei grandi ideali, Patria, Libertà, Legalità. È questo il secondo dei “Calendari della memoria”, un ciclo che, inaugurato lo scorso anno, ci accompagnerà allo straordinario appuntamento del Bicentenario dell’Arma, nel 2014. I cinquant’anni di storia istituzionale che sono rievocati quest’anno – dal 1864 al 1914 – coincidono con i primi intensi impegni per il giovane Stato italiano all’indomani della proclamazione dell’Unità. Sono gli anni in cui la “Stazione” dei Carabinieri diviene, nelle piccole come nelle grandi Municipalità, punto di riferimento per tutti i cittadini e il “Maresciallo” figura complementare a quelle del Sindaco e del Parroco. È il momento in cui la società italiana inizia ad assumere quel patrimonio di valori e di simboli che la distinguerà nelle epoche successive e sarà modello di ispirazione per narrazioni letterarie e ricostruzioni storiche, con il Carabiniere costantemente protagonista.