Pd Agrigento, l’area Marino rivendica un assessore in Giunta D’Orsi

“Non si capisce perché la partecipazione alla giunta Provinciale del Partito Democratico non debba allargarsi anziché a tre assessori designati dal PD a quattro. Ovviamente caldeggio l’ingresso anche dell’area Marino. Visto che l’on Panepinto è stato accontentato e l’on Capodicasa neanche a dirlo, e visto che il presidente D’Orsi è disposto ad allargare a un altro assessore indicato dal senatore Adragna, pur di avere in giunta il Partito Democratico contentando tutti, sembra opportuno che anche l’area Marino debba avere un suo assessore nella giunta provinciale”.

Lo afferma il rappresentante agrigentino dell’area Marino del Pd Mimmo Ferraro.

“L’area Marino, infatti, ha partecipato alle primarie del congresso del Pd con una lista propria dove più militanti, con il sottoscritto in testa, si sono adoperati per raccogliere le firme per fare una lista equilibrata che ha portato all’elezione di un membro alla Assemblea Nazionale. Quindi la componente Marino ha pieno titolo ad avere un rappresentante in giunta. Il fatto, poi, che non ha un parlamentare che fa riferimento all’area del senatore chirurgo non mi pare un buon motivo, soprattutto non mi pare democratico agire solo contentando gli appetiti dei parlamentari del nostro Partito eletti in provincia.

Cosa diversa  – aggiunge Ferraro – sarebbe stata se i designati, a cui personalmente va la nostra stima incondizionata se non altro per la comune militanza, fossero stati designati senza etichette.  Avrebbero, così, certamente rappresentato anche la nostra componente come lo farà l’assessore eventualmente indicato dal senatore Adragna . Ma se si ragiona in termini di componenti anche la nostra componente ha dignità politica e sarebbe opportuno che la delegazione del Partito sia allargata anche a un componente della area che in provincia rappresento. Le procedure si allungano, solo il designato Piero Giglione ha bruciato le tappe, come ha detto il nostro segretario Messana, mentre Giuseppe Sferlazza,  l’altro designato, per giurare aspetta che lo accompagni il suo dante causa On Panepinto (ma si sa i deputati dal martedì al giovedì sono impegnati nello loro rispettive assemblee). Abbiamo, quindi, tutto il tempo per indicare un nome altrettanto prestigioso come quelli che sono stati  indicati fino adesso”, conclude Mimmo Ferraro del Pd.