Verso le elezioni nell’Agrigentino, ecco tutti i candidati tra conferme e indiscrezioni

Accordi per le amministrative 2012 al rush finale. Si vanno definendo gli schieramenti politici e i nomi dei candidati in alcuni dei Comuni dell’Agrigentino chiamati alle urne il 6 e il 7 maggio prossimo insieme alla città dei templi dove in corsa ci sono già Marco Zambuto, Giuseppe Arnone e Salvatore Pennica.

A Cattolica Eraclea già ufficializzate le candidature di Nicolò Termine, del Pd in alleanza con Grande Sud e rappresentanti della società civile. L’altro candidato è Giovanni Gentile, della lista “Cattolica Eraclea Libera” in alternativa al sistema dei partiti. Si fanno attendere intanto i partiti del centrodestra per lanciare il nome del dopo-Piro, che ha deciso di non ricandidarsi. Difficile pensare che Piro-Cammalleri-Renda non presentino una propria lista, difficile anche pensare che possano soostenere uno dei due candidati in campo, ma si sa: in politica tutto è possibile.

A Montallegro sembrano prendere forma due schieramenti con vari possibili candidati a sindaco: da una parte Fli-Grande Sud-Udc e dall’altra Pdl-Pd-Mpa. I primi, sostenitori del sindaco Manzone che non si ricandida, hanno annunciato di stare insieme ma non il nome del candidato, sembra che il gruppo possa sostenere Giovanni Piruzza, già battuto da Manzone e in cerca di alleanze dopo aver annunciato la sua disponibilità a candidarsi. Nell’altro fronte trattative per una larga intesa Pdl-Pd-Mpa a sostegno di una candidatura politica, ogni partito indica il proprio nome: Francesco Colletti (Pdl), Pietro Baglio (Pd), Roberto Caruana (Mpa). Non sarà facile trovare l’accordo.

Trattative in corso anche Villafranca Sicula, qui si parla di liste civiche senza sigle di partiti. Il sindaco Rosario Di Salvo spiega che ci sono in corso dei tavoli di confronto: “Se sarà individuata una candidatura unitaria diversa dalla mia valuteremo, sono pronto a candidarmi ma anche a fare un passo indietro”.  Nel paesino montano in fermento i giovani di Sel, probabile presentino un propria candidatura. Al via la campagna elettorale ad Aragona: Totò Parello il candidato di  “Coesione per Aragona” ( Fare Italia, Pid, Udc, Pdl, Grande Sud e Autonomisti Forti e Liberi). L’altro candidato è Giuseppe Pendolino, sostenuto da Pd, Mpa Fli e da forze della società civile. In attesa del comunicato ufficiale lo ha annunciato il sindaco Alfonso tedesco dopo la rinuncia alla sua ricandidatura.

A Lampedusa si ricandiderà certamente il sindaco Bernardino De Rubeis. A sfidarlo, dovrebbe essere il segretario cittadino del Pd, Peppino Palmeri. In corsa con una terza lista ci sarebbe anche il già sindaco Totò Martello.

A Bivona Giovanni Panepinto ha annunciato che non si ricandiderà a sindaco: “Stiamo lavorando su altri nomi – ha detto – io completerò il mio mandato di parlamentare regionale”. Nel centrodestra ancora nessun candidato ufficiale. A  Santa Margherita Belice dopo la rinuncia di Franco Santoro, il Pd lavora a un’altra candidatura. Intanto viene lanciata la candidatura di Pasquale Saladino, ex consigliere provinciale. Nel centrodestra circola anche il nome di Francesco Valenti.

A  Raffadali Silvio Cuffaro (Pid) non si ricandida, potrebbe essere il consigliere provinciale Franco La Porta a prendere il suo posto. Nel centrosinistra il candidato sarebbe il deputato regionale del Pd Giacomo Di Benedetto, ma ancora è tutto da vedere.  A Comitini ufficializzata la candidatura a sindaco dell’imprenditore Felice Raneri. Sarà lui, che in passato ha già ricoperto la carica di vice sindaco, a correre per la poltrona più prestigiosa di Comitini al posto del sindaco uscente Nino Contino. Tra i possibili sfidanti circolano due nomi: Salvatore Bruno per la sinistra, e Franco Zambuto dell’Udc si contendono la candidatura.Al momento non ci sono rivali. A Casteltermini dovrebbe ricandidarsi il sindaco Nuccio Sapia ex Udc che è stato sostenuto da una “grosse coalition”, il rivale potrebbe e il consigliere provinciale Totò Scozzari (Mpa), l’Udc e il Fli punterebbero su Stefano Licata. A Racalmuto , dove al Comune è al lavoro la commissione prefettizia,  si propongono Enzo Sardo sostenuto dalla lista “Cantieri Popolari per Racalmuto “. e Sergio Scimè dell’Udc.

Si va al voto il 6 e il 7 maggio. Le liste sostenute dalle firme raccolte si presentano entro il 2 e il 3 aprile. Partiti e candidati devono far presto, anche se in qualche Comune dove la situazione delle alleanze si va ingarbugliando, probabilmente, le decisioni saranno prese all’ultimo minuto.