Cattolica, aspirante consigliere comunale violento minaccia cronista

Oggi pomeriggio sono stato pesantemente minacciato dal candidato al consiglio comunale di Cattolica Eraclea, Andrea Sanfilippo, di cui si sa che è candidato nella lista “Ricostruiamo il paese” ma si ignora a quale partito, movimento  od organizzazione socio-politica appartenga.

I fatti sono avvenuti intorno alle 17.10, in piazza Roma, davanti a vari testimoni, poco prima della presentazione ufficiale della lista a sostegno del candidato sindaco Nicolò Termine.

Questi i fatti. Avevo già fotografato tutti i candidati al consiglio comunale per ragioni giornalistiche, mi mancava l’ultimo da fotografare, cioè questo Andrea Sanfilippo al quale ho chiesto come a tutti gli altri di potergli scattare un foto. L’uomo, pur essendo candidato al consiglio, legittimamente, non voleva farsi fotografare. Ma anziché limitarsi a dire che non voleva scattate foto – né in quel momento né in altri momenti anche pubblici – ha cominciato a minacciarmi pesantemente, alzando le mani, minacciando con veemenza di darmi schiaffi e di rompermi la macchina fotografica. Siccome il personaggio è fisicamente possente mi ha naturalmente messo un po’ di paura sul momento ma non mi ha minimamente intimidito. Solo la mia assoluta mancanza di reazione, se non quella di andarmene a testa bassa, e l’intervento di alcune persone che erano in piazza, hanno evitato che il personaggio mi aggredisse solo perché non voleva essere fotografato pur essendo candidato al consiglio comunale, quindi un personaggio pubblico. In quel caso si sarebbe trattato non solo di minacce ma di violenza privata e possibilmente lesioni.

Questa la spiacevole situazione di oggi, che ho deciso di raccontare a tutela della mia libertà, della mia dignità e della mia incolumità e anche per trasmettere ai lettori di questo sito l’idea di quanto sia difficile operare come blogger/giornalista nel contesto locale in cui si vive. Di minacce ne ricevo praticamente in media una a settimana e provengono da ogni parte e sono di ogni tipo. Ma è intollerabile che minacce di questo tipo arrivino da personaggi pubblici che aspirano a rappresentare la comunità. Siccome non sono riusciti a intimidirmi né boss mafiosi, né figli di capi mafia, né politici prepotenti né scassapagliara dell’ultima ora, ritengo di dover respingere pubblicamente con fermezza questi comportamenti vigliacchi, e lo faccio prima di tutto pubblicando la foto del tizio malgrado le minacce, e perchè ciò serva, ancora una volta, da segnale chiaro e inequivocabile per chi pensa che atteggiamenti violenti e minacciosi, in qualsiasi circostanza e per qualsiasi situazione, possano in qualche maniera intimidirmi. Non c’è fino ad ora riuscito nessuno di quelli che ci hanno provato e non ci riuscirà nemmeno tale Andrea Sanfilippo.

CALOGERO GIUFFRIDA