Elezioni a Bivona, Cutrò: ‘Sono contento, si parla di legalità’

“Sono molto contento che durante la campagna elettorale i due candidati a sindaco di Bivona utilizzino spesso la parola legalità, questo mi fa ben sperare per il futuro della nostra comunità”, afferma Ignazio Cutrò e continua “la legalità è un valore fondamentale per lo sviluppo della nostra terra, senza di essa ogni speranza di riscatto sarebbe vana”.

Il testimone di giustizia, poi, lancia un appello “questa volta si faccia sul serio e si passi dalle belle parole ai fatti concreti, la politica agrigentina la smetta con le passerelle ed inizi ad incidere seriamente nella lotta al racket mettendosi davanti agli imprenditori onesti che decidono di denunciare i mafiosi”, l’imprenditore bivonese conclude dicendo “io e la mia famiglia, insieme alle associazioni del territorio, stiamo facendo la nostra parte da tempo e siamo impegnati in prima linea, voglio ricordare ad esempio che ad Agrigento abbiamo attivato uno sportello antiracket presso la sede di Confartigianato in via xxv aprile e aiutiamo gli imprenditori che vogliano intraprendere seriamente il percorso della leglità”. “Mi piacerebbe sapere dai candidati a sindaco di Bivona ed Agrigento come intendano impegnarsi per favorire il risveglio economico e civile dei loro territori gravemente inquinati dalla presenza delle organizzazioni criminali e se intendano sostenere l’associazione antiracket Libere Terre promossa dal Testimone di giustizia Ignazio Cutrò” dichiara Gaetano Montalbano, vice-presidente di Libere Terre, e conclude “la nostra associazione è un esempio di impegno civile e legalità e non ha ancora una sede in provincia”.