Verso il nuovo sistema dei rifiuti, sindaco di Sciacca riunisce i sindaci dell’Ato Ag1

Il sindaco Fabrizio Di Paola ha convocato i sindaci dei comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale AG 1 per assumere le opportune determinazioni sull’Ato Rifiuti in vista delle scadenze fissate dalla legge regionale n. 26 del 9 maggio 2012.

La riunione si è svolta ieri pomeriggio nella Sala Giunta del Palazzo Municipale. Hanno partecipato i sindaci dei comuni di Burgio, Caltabellotta, Cianciana, Montevago, Ribera, Santa margherita Belice, San Biagio Platani, Sciacca e Villafranca Sicula. Presenti anche il presidente del consiglio comunale Calogero Bono, l’assessore ai Servizi a Rete Gianluca Guardino, il liquidatore di Sogeir Vincenzo Marinello, il segretario generale del Comune di Sciacca Michele Iacono e i dirigenti dell’Ufficio Tecnico Giovanni Bono e Aldo Misuraca.

Nel corso dell’incontro si è fatto il punto sugli adempimenti previsti dalla legge e dalle circolari esplicative emanate dalla Regione che prevedono tra l’altro la nascita delle cosiddette SRR, Società per azioni per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti a carattere provinciale al posto degli attuali Ato. I nove sindaci intervenuti nella Sala Giunta del Comune di Sciacca hanno espresso una loro valutazione su quella che è stata la gestione attuale e sulle scelte da intraprendere in prospettiva sulla base di una attenta verifica del quadro economico e patrimoniale. Al termine di un articolato confronto, è stato sottoscritto un documento unitario con cui i sindaci chiedono alla Regione Siciliana la conferma del progetto territoriale sperimentale per la gestione dei rifiuti nell’Ambito Territoriale Ottimale Ag1.

“La direzione verso cui ci stiamo muovendo – dice il sindaco Fabrizio Di Paola – è quella di mantenere anche per il futuro l’attuale bacino territoriale con gli stessi comuni dell’Ato Ag1. Dovrà cambiare soltanto la formula di gestione nel rispetto di quanto dettato dalle nuove norme, secondo i principi di efficienza, efficacia ed economicità dei servizi. La Sogeir, così come previsto dalle norme, dovrà infatti definire il processo di liquidazione e cessare entro l’anno ogni attività”.

Il sindaco Fabrizio Di Paola promuoverà prossimamente ulteriori riunioni tra sindaci.