Porto Empedocle, ritrovata dalla polizia quindicenne fuggita da casa

Litiga con la nonna, scappa da casa e poi viene ritrovata dalla polizia. E’ accaduto a Porto Empedocle dove ieri, i poliziotti del commissariato “Frontiera” guidati dal vice questore aggiunto Cesare Castelli, hanno ritrovato una quindicenne che da due notti consecutive mancava da casa.

A recarsi in commissariato per denunciare la scomparsa erano stati la nonna e il papà della ragazzina che mancava da casa ormai da due notti. La minorenne, per futili motivi, la mattina di quattro giorni fa, aveva avuto un litigio con la nonna con la quale vive e nel pomeriggio era uscita con gli amici. Ma all’ora del solito rientro, la sera, non è tornata a casa, ma la nonna non si è preoccupata più di tanto perché, nonostante non l’avesse avvisata la nipote era solita, ogni tanto, andare a dormire in casa del padre. L’indomani mattina, però,  la nonna ha sentito il figlio al quale ha chiesto notizie della nipote e l’uomo le ha risposto  di non averla vista. I due si sono quindi preoccupati e hanno cominciato a cercare la ragazzina per tutto il giorno, ma inutilmente. Ieri notte, terrorizzati per quello che poteva esserle accaduto, sono andato a chiedere aiuto ai poliziotti del commissariato “Frontiera”. Gli agenti, grazie a una breve attività investigativa, sono riusciti a ritrovare la ragazzina a casa di una conoscente. La minore ha fatto così ritorno a casa del padre.