Scarsa sicurezza nei luoghi di lavoro, controlli e denunce a raffica nell’Agrigentino

Continuano ad arrivare risultati allarmanti e significativi dai controlli dei carabinieri nei cantieri edili dell’Agrigentino: in molti casi gli imprenditori non rispettano le norme sulla sicurezza dei lavoratori, in alcuni casi il lavoro è completamente in nero.

Stavolta, dopo una sfilza di denunce in mezza provincia, i carabinieri della stazione di Villaggio Mosè coordinati dalla compagnia di Agrigento, con il supporto specializzato dei colleghi del locale Nucleo Ispettorato del Lavoro, a conclusione degli accertamenti relativi ad una verifica in un cantiere edile della frazione agrigentina espletata negli ultimi giorni, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Agrigento R.C., legale rappresentante di un’impresa che sta eseguendo i lavori di costruzione di una villetta per civile abitazione. Più in dettaglio, nel cantiere ispezionato, non era stata assicurata la viabilità agli operai presenti. “L’attività – spiega una nota dei carabinieri della compagnia di Agrigento diretta dal capitano Giuseppe Asti –  è stata effettuata nell’ambito dei controlli disposti a livello nazionale per la prevenzione degli incidenti negli ambienti di lavoro, fenomeno che purtroppo, pur essendo in tendenziale diminuzione, continua a rappresentare una grave emergenza sociale in ragione delle gravissime conseguenze che ne derivano, anche in termini di perdita di vite umane”.

Numerose nell’ultimo periodo le violazioni riscontrate dai carabinieri e dagli ispettori del Nil nei cantieri in provincia di Agrigento. Nei giorni scorsi, a Villaggio Mosè, in via dei Venti, è stato denunciato a piede libero un imprenditore edile  quarantottenne di Floridia, in provincia di Siracusa. Durante l’ispezione nel  cantiere  gli operai non sarebbero stati trovati muniti dei necessari dispositivi di sicurezza; a Siculiana sono stati denunciati  due imprenditori edili, B.M.S., 36enne e M.C., 48enne, per violazioni relative agli obblighi del datore di lavoro sulla mancata adozione di idonei impalcati, e al Villaggio Mosè: denunciato l’imprenditore edile N.F., 35enne, agrigentino; in uno dei cantieri che l’uomo conduce in città, sono state accertate alcune violazioni di legge sulla tutela della sicurezza degli operai impiegati.

In un cantiere edile condotto dalla proprietaria di un edificio in corso di ristrutturazione nella frazione agrigentina di Villaggio Mosè – due operai privi di regolare assunzione e rilevato nello stesso cantiere la mancata redazione del piano operativo di sicurezza del cantiere, previsto dalle vigenti norme di legge. La proprietaria dell’immobile C.G.G., 25enne, di Agrigento, è stata denunciata. A carico della donna i carabinieri hanno anche elevato sanzioni amministrative per un ammontare di oltre tremila euro.

Queste solo alcune delle denunce dei carabinieri, altri controlli sono in arrivo.