Agrigento, rabbia e dolore anche su facebook per i quindicenni ‘uccisi’ da un’auto

Dolore e rabbia anche su facebook per la tragica fine  di Giuseppe Piparo e Cristian Russo, i due studenti quindicenni di Villaseta travolti da un’auto mentre erano a bordo di uno scooter e morti sul colpo lungo la statale 640, all’altezza del bivio per Maddalusa. La notizia ha sconvolto gli agrigentini.

Amici, parenti e conoscenti ricordano sul social network le due giovanissime vittime con una miriade di foto, commenti, ricordi, opinioni, emozioni che corrono in rete.  “Due vite che si fermano in un secondo… fatale… Pace all’anima vostra”, posta Fabio Peonia. “Sono senza parole, riposate in pace ragazzi”, è il commento di Antonio Vizzi. Invase di messaggi le bacheche dei due giovani tragicamente scomparsi.

 

Sulla bacheca di Giuseppe Piparo posta Federico Baldi: “Ancora non ci credo, allora è vero che il signore si prende sempre i migliori. Tu e il tuo sorriso saranno sempre nei nostri cuori. Addio Pè”.   “Giuseppe… dovevamo passare un bel ferragosto insieme a Crì e agli altri… avevi ancora una vita avanti… distrutta da… Addio Peppe”, si addolota Andrea Randisi.  Samantha Portelli: “Resterai sempre nel mio cuore piccolino… riposa in pace cuoricino, ti voglio tanto bene”, scrive Andrea Randisiha.  “Non riesco a credere a quello che è successo, rimarrai sempre nei nostri cuori. Ci mancherai”, dice Giada Tedesco. “Sei stato sempre un ragazzo speciale. Appena l’ho saputo sono scoppiata in lacrime. Ci mancherai”, aggiunge Alessandra Broccio.  “Cugino mio, mi dispiace tanto, non posso ancora crederci Non era ancora tempo per te di andare. Sei il nostro piccolo angelo angelo, che adesso guarda a tutti da lassú. Riposa in pace angioletto”, posta Maria Cardella-Tedesco.  “Bello, riposa in pace. Non avevamo tanta confidenza, ci salutavamo ogni tanto quando ci incontravamo, ma fa sempre strano sapere certe notizie. Do conforto anche hai genitori, siate forti”, scriva Ziomò Li Causi.

Sulla bacheca di Cristian Russo scrive Giordy Paceha: “Non ci posso credere! Non riesco a capacitarmi, perchè se ne vanno sempre le persone migliori come te. E’ stato un colpo al cuore, no no non è possibile…”. “Sarai per sempre mio amico del cuore, ricordo quando mi hai accompagnato fino da Marco Polo ricordo tutto le partite che abbiamo fatto ti voglio bene Cri, cuoricino, non ci credo ancora,  che vita di merda”, posta Giorgio Di Dato.  Aggiunge Andrea Randisi  “Crì, sei stato un grande amico per me, non posso credere che sia successo… ripensando a tutte le giornate passate insieme rabbrividisco al pensiero che non ci sei più… ora va e insegna a giocare a pallone lassù…eri, sei e rimarrai per sempre il migliore in assoluto, rimarrai nel cuore di tutti”. E Noemi Lombardi: “Certe notizie fanno troppo male! Non ci posso pensare! Non può essere vero che adesso non ti vedrò più… non sentirò più la tua voce… non mi dirai più che mi vuoi bene. Otto anni insieme… si questi non li dimenticherò mai e avremo tutti quanti tantissimi ricordi nel cuore e il più grande di questi ti prometto che sarai sempre tu. Ti voglio bene”.  “Cori miu resterai sempre nel mio cuore, scrivendo con le lacrime agli occhi mi ricordo tutti i nostri momenti – ricorda Fabiola Russo -. Le giocate a monopoli, a tombola, le giornate passate insieme, le nostre risate, io che da piccola ti difendevo. Mi manchi di già amore mio, mi manchi piccola meraviglia. Era un crudele destino amore questa sera. Ti ricorderò magnifico per com’eri. Stesso tuo sangue che scorre nelle mie vene. Ti amo. Addio. Maria Sacco Ti amo piccolo”.  “Cuginetto mio non ci hai potuto lasciare, no no era ancora presto per andartene via per sempre mi manchi di già. Ricordo – posta Lorella Sacco – la nostra infanzia le nostre giocate a nascondino le mangiate in campagna ho il cuore a pezzi gioia, ma ancora non ci credo, addio piccolo angelo, ti amo cucciolotto”.

Da: Giornale di Sicilia

VIDEO. Tragico incidente ad Agrigento: muoiono due quindicenni, un altro è gravemente ferito

Incidente mortale ad Agrigento, aperta l’inchiesta della Procura

Agrigento, sindaco proclama lutto cittadino per tragica morte di Giuseppe e Cristian