Furto di rame a Villaggio Mosè, in tilt parco fotovoltaico: danni per 40 mila euro

Nuovo maxi furto di cavi di rame nell’Agrigentino. I ladri dell’”oro rosso” sono entrati stavolta in azione tra Villaggio Mosè e la prima galleria sulla strada per Palma di Montechiaro, in contrada Valle del lupo. Sono stati portati via dai malviventi circa 1800 metri di cavi che collegavano alla rete elettrica un impianto fotovoltaico installato da una ditta di Milano.

I danni complessivi subiti dall’azienda sono stati quantificati in oltre quaranta mila euro. Più i disagi che si subiranno nei prossimi giorni a causa della mancanza di energia elettrica nella zona. Sull’accaduto indagano i carabinieri della compagnia di Agrigento, diretti dal capitano Giuseppe Asti, già alle prese con le indagini su altri furti simili che vengono compiuti sempre più spesso nell’Agrigentino, così come in tutta la Sicilia, creando disagi non solo all’Enel, ma anche a privati e imprese. Due settimane fa il furto di due chilometri di fili elettrici alla linea dell’Enel nella zona dell’impianto idrico di SiciliAcque a Caltabellotta ha lasciato per qualche giorno senz’acqua più di cinque comuni della provincia di Agrigento.