Liberata tartaruga Caretta a Porto Empedocle

E’ stata liberata nel mare di Porto Empedocle una tartaruga Caretta caretta. Lo comunica il responsabile Centro recupero fauna selvatica e tartarughe carine di Cattolica Eraclea Calogero Lentini.

Alla liberazione, avvenuta alla presenza della direttrice della Ripartizione faunistico venatoria ed ambientale di Agrigento Gabriella Perrone e del funzionario Diego Valenti, ha collaborato  guardia costiera di Porto Empedocle.

Il rettile marino chiamato “Pelagia” che pesava circa 30 Kg nei mesi scorsi era stato trovato in agonia a largo di Linosa da alcuni diportisti e trasferito al Centro di Cattolica Eraclea è stato sottoposto ad un delicato intervento di triplice enterotomia con annessa esofagotomia, durato circa 5 ore, per consentire la rimozione del grosso amo da palamito infisso nell’esofago e la contemporanea asportazione del bracciolo di lenza che attraversava per intero il suo intestino e lo avrebbe portato ad una penosa morte.


Sarebbe bastato che i pescatori accortisi della tartaruga pescata accidentalmente avessero condotto l’animale al Centro di recupero più vicino, invece di tagliare la lenza e abbandonarla in mare, ma purtroppo non tutti sono sensibili alle problematiche legate alla conservazione di questa remota specie.