Risanamento ambientale, sindaco di Caltabellotta esprime apprezzamento per gli interventi della Provincia

La bonifica delle strade interne nella zona di Caltabellotta è stata oggetto di apprezzamento da parte dell’Amministrazione del Comune montano, nel cui territorio insistono le strade bonificate dal Settore Ambiente della Provincia Regionale di Agrigento.

Con una nota indirizzata al Presidente Eugenio D’Orsi, all’Assessore all’Ambiente Francescochristian Schembri e al Direttore del Settore Ambiente,  ing. Bernardo Barone,  il sindaco di Caltabellotta, Calogero Pumilia, ha espresso un vivo ringraziamento per l’intervento del Gruppo Tutela Ambientale su alcune aree al di fuori del perimetro del centro abitato, pienamente recuperate dal degrado. Le aree ricadono su: SP 36 Bivio Verdura-S.Anna-Caltabellotta, SP 37 Sciacca-Caltabellotta-S.Carlo e SPR 10 Sciacca-Salinella, dalle quali sono stati rimossi complessivamente 21,4 tonnellate di rifiuti, tra cui ben 3 tonnellate di amianto, 16 tonnellate di inerti e 2,4 tonnellate di ingombranti.

 

“L’intervento della Provincia Regionale – scrive Pumilia – ha consentito di recuperare dal degrado diverse aree esterne con la rimozione e lo smaltimento di notevoli quantitatitivi di rifiuti di varia tipologia. Il nostro è un giudizio ampiamente positivo, che va esteso al direttore di cantiere geom. Vincenzo Dainotto e a tutta la squadra dei suoi collaboratori per l’efficienza nell’esecuzione dell’intervento di bonifica, che ha consentito, tra l’altro, di rimuovere un grosso quantitativo di amianto”.


“E’ la conferma dell’apprezzamento da parte dei Comuni per il nostro impegno nella tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini – commentano il presidente D’Orsi e l’assessore Schembri – impegno che continua tuttora con la bonifica di altre strade provinciali, e nonostante le notevoli difficoltà finanziarie. L’attività del nostro Ufficio Risanamento Ambientale è decisivo per il recupero di molte aree degradate, sulle quali siamo sempre pronti ad intervenire su segnalazione dei cittadini o delle autorità preposte al controllo del territorio”.