Eraclea Minoa: ancora da rimuovere barca migranti, appello di Marevivo

Dopo venti giorni dallo sbarco è ancora arenato sulla spiaggia di Eraclea Minoa il barcone di legno con il quale sono arrivati un’ottantina di immigrati nordafricani.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha già predisposto la rimozione della barca di cui si dovrà occupare l’Agenzia delle dogane di Porto Empedocle affidando l’incarico a una ditta specializzata, ma fino ad oggi ancora nessun intervento.


“Sollecitiamo alle autorità competenti la rimozione della barca che si trova proprio davanti l’oasi di Marevivo ad Eraclea Minoa per evitare fenomeni inquinamento del mare e problemi di varia natura. Già dall’imbarcazione sono fuoriusciti oli che hanno creato delle chiazze nere attorno alla barca. E’ urgente che venga rimossa presto”, così il presidente regionale di Marevivo Fabio Galluzzo interviene sulla vicenda.

Segnalazioni anche sul web. “Sono rimasto male – posta Franco Gambino su facebook – nel vedere quel relitto ancora lì, che nessuno si interessi a toglierlo, anche perchè presumo che ci sia ancora del petrolio che sicuramente inquinerà, almeno che non si voglia fare un museo marino, spero che chi di competenza si occupi di questo problema rimuovendo questo relitto al più presto”.

VIDEO SU YOUTUBE.COM/COMUNICALO