Catanzaro (Confindustria): ‘Livatino e Saetta riferimento etico per tutti gli imprenditori’

“Il ricordo di Rosario Livatino è per tutti gli imprenditori un momento di riflessione attenta sull’insegnamento che il magistrato trucidato dalla mafia – così come Antonino Saetta che ha pagato con la vita il suo impegno di magistrato integerrimo – ci ha lasciato.

C’era nei comportamenti di questi magistrati non solo il coraggio ma anche un alto senso del rispetto delle regole e  alti valori morali e etici. Ed è proprio ispirandosi a quei valori che gli imprenditori oggi continuano nel loro impegno nella lotta alla mafia e a tutte le illegalità dicendo no non solo al racket ma anche a qualsiasi richiesta magari proveniente da funzionari corrotti”. E’ il commento di Giuseppe Catanzaro, presidente di Confindustria Agrigento e vicepresidente di Confindustria Sicilia, in occasione del 22esimo anniversario del delitto del giudice Rosario Livatino. “Chi si sottrae a questi doveri dimostra di non avere rispetto per il sacrificio dei due magistrati o peggio chi paga il pizzo o pubblici funzionari corrotti li uccide un’altra volta”. Per Catanzaro “la lotta alle mafie sta alla base dello sviluppo economico e sociale, come ha più volte ricordato il presidente di Confindustria Sicilia e delegato nazionale alla legalità Antonello Montante, e oggi non vi possono continuare ad esserci sacche di ambiguità”.