Mafia, Zambuto: ‘Cassazione riabilita immagine di Agrigento’

“È un fatto di significativa importanza il diritto riconosciuto ad un comune italiano, come rappresentante dei suoi cittadini, all’indennizzo per i danni causati dalla Mafia.

La sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito un principio fondamentale, che segna una svolta nei rapporti tra le istituzioni e premia la scelta del Comune di Agrigento di schierarsi a difesa dell’integrità della sua gente”.


È il commento del sindaco di Agrigento Marco Zambuto alla sentenza della Corte di Cassazione che oggi ha condannato definitivamente sette esponenti mafiosi, tra cui l’ex reggente provinciale di Cosa nostra Giuseppe Falsone, ed ha riconosciuto il danno esistenziale per i cittadini di Agrigento, rappresentati dal Comune che si è costituito parte civile,  perché l’attività criminale di Cosa Nostra ha avuto “la conseguenza di estromettere, ovvero di marginalizzare, la vita sociale ed economica di tutte quelle attività sane e legali presenti nel territorio, come anche impedire che nuove attività, proposte da imprenditori esterni, potessero insediarsi e svilupparsi nel territorio di Agrigento”. La Cassazione ha riconosciuto una provvisionale di quasi 100.000 euro, su un danno richiesto di 2.500.000 euro.

‘Cosa nostra danneggia l’immagine di Agrigento’, boss risarciranno la città dei templi

“Con il riconoscimento del ‘danno esistenziale’ – continua Zambuto – al Comune di Agrigento e ai suoi cittadini viene offerta la possibilità di potersi finalmente affrancare dai gravi danni procurati da chi, con il suo comportamento criminoso, ha violato l’immagine della nostra città, condizionando il presente ed il futuro della sua gente”.

“È significativo – conclude – che la sentenza della Cassazione arrivi proprio nel giorno in cui ricordiamo il compleanno di Rosario Livatino, il ‘giudice ragazzino’ ucciso dalla Mafia nel 1990 sulla statale 640 mentre si recava, senza scorta, in tribunale. La memoria del suo impegno contro la Mafia, pagato con la vita, rappresenta la più alta immagine che la città di Agrigento esibisce oggi con orgoglio”.