Agrigento, evasione fiscale da un milione di euro scoperta dalle fiamme gialle

Le Fiamme Gialle di Agrigento hanno eseguito una complessa attività di polizia tributaria nei confronti di un gruppo familiare specializzato nella costruzione di edifici residenziali nella città di Agrigento.

L’attività di verifica, eseguita dal Nucleo di Polizia tributaria, ha tratto origine dall’analisi di documentazione contabile amministrativa sequestrata dalla Procura della Repubblica di Agrigento (in occasione dell’operazione “Self Service” condotta dalla Polizia di Stato) e messa a disposizione degli investigatori delle Fiamme Gialle.

Le certosine investigazioni dei finanzieri hanno permesso di ricostruire a carico del gruppo familiare interessato, noto nell’ambiente delle costruzioni residenziali e non, per il periodo 2006 – 2011 : ricavi evasi ai fini Imposte Dirette per quasi 1 milione di euro; un’evasione IRAP di circa 900 mila euro; un’evasione dell’I.V.A. di 200 mila euro.


L’attenta ricostruzione della numerosa e complessa documentazione esaminata ha fatto inoltre emergere ben due società che operavano come evasori totali, cioè in qualità di soggetti completamente sconosciuti al fisco, e due evasori paratotali, un professionista ed un imprenditore agricolo, responsabili il primo di aver presentato dichiarazioni dei redditi infedeli di oltre il 50% a quanto realmente incassato, ed il secondo di aver esposto esclusivamente reddito agrario e non reddito d’impresa .

Nello specifico, le attività ispettive, eseguite nel periodo luglio 2012 – gennaio 2013 e consistite nell’esecuzione di quattro distinte verifiche fiscali a carico delle società e dei soggetti sopra indicati, hanno consentito di ricostruire tutta la base imponibile che i soggetti, nel tempo, avevano omesso di dichiarare allo Stato .