Ecomostro Scala dei Turchi, arriva il ‘giorno del giudizio’

REALMONTE. Arriva il “giorno del giudizio” sull’ecomostro di Scala dei Turchi. E’ attesa per oggi la decisione del Tar di Palermo sul ricorso presentato dai proprietari dello scheletro di cemento armato che deturpa il litorale contro l’ordinanza di demolizione emessa dal sindaco di Realmonte Pietro Puccio.

Oltre al giudizio nel merito, che difficilmente potrebbe arrivare oggi, si attende la decisione sulla sospensione cautelare degli effetti dell’ordinanza sindacale emessa dopo l’ingiunzione della Procura della Repubblica di Agrigento nell’ambito del giro di vite antiabusivismo avviato dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e che ha già dato i suoi risultatri in vari centri della provincia. Se la richiesta di sospensiva verrà accolta probabilmente si allungheranno ancora di molto i tempi per la demolizione dell’ecomostro, ma se il Tar dovesse rigettare la richiesta  “devono subito arrivare le ruspe per abbattere l’immobile della Scala dei Turchi”, spiega il sindaco Puccio. Oltre al Comune di Realmonte si sono costiuiti in giudizio l’associazione Legambiente e il Fondo per l’ambiente italiano. Attesa nelle prossime settimane invece l’udienza per la trattazione del ricorso degli ecomostri di cemento sulla vicina spiaggia di Lido Rossello.