Agrigento, si è insiedato il commissario della Provincia

Si è insediato questa mattina, nella qualità di Commissario regionale, il dott. Benito Infurnari, che guiderà la Provincia regionale di Agrigento, fino alla costituzione del Consorzio dei Comuni.
Il neo Commissario ha incontrato sia i dirigenti dell’Ente che gli organi di stampa ai quali ha subito chiarito che sia la Presidenza che gli uffici di tutti i dirigenti, saranno aperti al rapporto diretto con l’utenza, in giorni prefissati senza la necessità di fissare appuntamenti.
“Stiamo vivendo un momento storico nel passaggio tra la Provincia ed i Consorzi di Comuni – ha spiegato Infurnari – e il mio incarico durerà fino al 31 dicembre, data entro la quale. la Regione dovrà varare una nuova legge che riguarda questa nuova figura istituzionale”.
Entrando nel merito del problema principe, e cioè la mancanza di risorse economiche, il Commissario non ha nascosto le grosse difficoltà che si presentano nella gestione, ma ha fatto intendere che il Presidente Crocetta potrà intervenire con alcune integrazioni al bilancio dell’Ente.
“Le nove Province siciliane – ha proseguito il dott. Infurnari – vivono una pesante situazione di disagio a causa della mancanza di risorse finanziarie, ma sono convinto che il Presidente Crocetta sensibile come è ai problemi del territorio, troverà delle risorse per integrare gli scarni bilanci degli Enti. La Provincia di Agrigento, pur non avendo grandi risorse, può però garantire gli stipendi al personale e interventi di modesta entità”.
Benito Infurnari, leggendo una relazione sullo stato dell’Ente, non ha potuto fare a meno di affermare che la situazione è disastrosa.
“Nel settore della Pubblica Istruzione abbiamo enormi difficoltà – ha aggiunto – alle scuole potremo assicurare modesti interventi tutti in piena economia e con proprio personale. Acquistare arredi per le aule diventa difficoltoso. Nel settore ambiente bisogna puntare a potenziare il rapporto con la Comunità Europea per intervenire sul territorio con fondi UE. Drammatica invece è la situazione nell’importante settore della viabilità che invece dovrebbe avere la massima priorità. Allo stato attuale il settore infrastrutture stradali può assicurare solo il minimo indispensabile e tutto con proprio personale”.
Un capitolo a parte per Benito Infurnari merita l’edilizia scolastica.
“Il nostro obiettivo – ha aggiunto- sarà quello di completare gli interventi strutturali nell’edificio che dovrà ospitare le classi dell’Istituto “Fermi” di Agrigento e definire il liceo di Bivona. La zona Montana ha infatti urgente necessità di definire questo importante edificio. Cultura e sport si potranno fare modeste iniziative. Per i servizi sociali ci attiveremo per proseguire nei compiti istituzionali dell’Ente. Il mio obiettivo sarà comunque quello di garantire due strutture educative: l’istituto musicale Toscanini di Ribera e il Consorzio Universitario di contrada Calcarelle. Ripeto, io sono molto fiducioso nella sensibilità del Presidente Crocetta che non farà di mancare il proprio sostegno per quei settori vitali nel nostro territorio”.
Il Commissario Regionale Infurnari ha illustrato dove intende intervenire per reperire piccole risorse. “La mia persona – ha concluso – espleterà le funzione dei tre organi istituzionali che componevano la Provincia: il Presidente, la Giunta ed il Consiglio, quindi sotto questo aspetto le auto blu non serviranno più, con un forte risparmio di spesa. Risparmio anche nelle utenze telefoniche dove potremo recuperare abbastanza. Inoltre, anche se sono poche, cercheremo di razionalizzare gli affitti dell’Ente e avviare contestualmente la vendita di tutti quei beni che non sono utilizzati. Per finire il mio impegno principale sarà l’attuazione di tutte le leggi varate a contrastare la corruzione puntando sulla trasparenza e il controllo”. Infurnari ha concluso sottolineando la necessità di intervenire con urgenza per garantire la pulizia delle spiagge indispensabili per la salute e l’igiene pubblico.