Favara, incontro istituzionale con l’assessore regionale Lo Bello

Incontro istituzionale a Favara per l’assessore regionale al Territorio e Ambiente Mariella Lo Bello. L’esponente della Giunta Crocetta ha incontrato sabato pomeriggio gli amministratori locali, con in testa il sindaco Rosario Manganella e il presidente del consiglio comunale Leonardo Pitruzzella, per fare il punto sulle problematiche della città.
Presenti all’incontro anche il consigliere comunale del Pd favarese, Calogero Castronovo, alcuni imprenditori e rappresentanti di comitati cittadini, il presidente del cda del Consorzio agrigentino legalità e sviluppo Maria Grazia Brandara.
Tutela, sicurezza e rilancio del centro storico tra le priorità da affrontare. Il sindaco Manganella ha chiesto di individuare una soluzione per poter utilizzare i tre milioni di euro già assegnati al Comune di Favara per dare seguito alla messa in sicurezza o alla demolizione degli immobili pericolanti , i fondi al momento non possono essere utilizzati per problemi burocratici legati alla tipologia degli immobili che necessitano interventi.
“Si deve fare quanto possibile – ha affermato l’assessore regionale Mariella Lo Bello – per evitare che possano ripetersi tragedie come quelle avvenute in via del Carmine a Favara, in cui hanno perso la vita le due sorelline Bellavia, o in via Bagolino a Palermo dove sono morte quattro persone”.
Attenzionata durante il confronto istituzionale
Affrontata anche la problematica dei fenomeni di inquinamento nel mare di Cannatello che necessitano di una particolare attenzione e i temi Piano regolatore generale che dovrà passare al vaglio del Consiglio comunale e del riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla mafia alla luce del nuovo bando regionale che dispone 15 milioni di euro per i Comuni che chiederanno finanziamenti per interventi di riqualificazione degli immobili sottratti ai boss.
Il presidente del Consorzio legalità e sviluppo Brandara e il sindaco Manganella hanno chiesto la convocazione della Giunta regionale nella casina del barone Antonio Mendola di Favara, sede del Consorzio che si occupa della riqualificazione dei beni confiscati in provincia di Agrigento.
Nel corso dell’incontro il sindaco Manganella ha illustrato diversi progetti per la rinascita di Favara. L’assessore Lo Bello si è mostrata un interlocutore attento e pronto a farsi portavoce nella Giunta regionale delle istanze finalizzate a sostenere progetti di recupero e rilancio della città a cominciare dalla tutela dell’ambiente e dalla valorizzazione del territorio.