Torra Salsa, affonda il barcone che portò 200 immigrati

E’ affondato prima nelle acque di Torre Salsa e poi nel porto empeclino il barcone di legno rimasto incastrato tra gli scogli dopo lo sbarco di circa duecento extracomunitari nel quale  hanno perso la vita due giovani migranti.

Ma dopo la rimozione da Torre Salsa, esattamente in direzione del Monte Stella dove era già piena d’acqua, la barca è stata trascinata fino al porto di Porto Empedocle dove è poi affondata. Sono state infatti poi necessarie complicate operazioni di ripescaggio. “Intervento svolto con superficiliatà”, denuncia su facebook l’associazione ambientalista Mareamico Agrigento, guidata da Claudio Lombardo, documentando fotograficamente l’accaduto.

I commenti sono chiusi