Lampedusa resta orfana di O’scià, stop dopo dieci anni di successi

“L’esperienza di O’scia’ è ormai alle nostre spalle”. Così il presidente della Fondazione O’Scia’, Rossella Barattolo, annuncia con un comunicato stampa la fine, dopo dieci anni di successo, del grande evento musicale ideato da Claudio Baglioni e dedicato al tema dell’accoglienza e della solidarietà tra i popoli.
“Ringraziamo – prosegue il comunicato – tutti quelli che con il loro contributo e con il loro lavoro hanno reso non solo possibile, ma davvero grande questa bellissima storia. Il grazie più grande di tutti va proprio alla gente di Lampedusa e delle Pelagie, per l’ospitalità, l’affetto, la partecipazione, ma soprattutto per la straordinaria lezione di umanità che, giorno dopo giorno, offre a tutti noi, rendendoci migliori cittadini del mondo”.
Rimangono impressi “dieci anni straordinari per il numero e il livello degli artisti che sono scesi alla spiaggia Guitgia, per mettere la loro immagine, la loro voce, la loro sensibilità, la loro passione civile e morale al servizio della causa di O’scia’. Più di trecento grandi nomi, italiani e stranieri, che ci hanno aiutato a far conoscere al mondo la causa di Lampedusa e della sua gente, ed a ricordare a tutti – istituzioni, media e opinione pubblica – che, dietro alla cronaca e alla contabilità non sempre felice dei recuperi in mare, batte il grande cuore della gente delle Pelagie”.