Ars, Firetto (Udc) presenta ddl su liberi consorzi

Un Disegno di Legge, primo firmatario Lillo Firetto capogruppo Udc all’Ars, per la “Disciplina dei Liberi Consorzi Comunali e delle Città Metropolitane”, è stato presentato nelle ultime ore all’Assemblea Regionale Siciliana. Si tratta di un DDL teso a semplificare e a ridurre la spesa pubblica disciplinando l’istituzione dei nuovi enti territoriali, Liberi Consorzi Comunali, che sostituiranno le Province riorganizzando così l’intero apparato amministrativo regionale. La ratio del Disegno di Legge è la valorizzazione dei Comuni e delle loro realtà territoriali, con la partecipazione di almeno 15 comuni ed una soglia pari a 300 mila abitanti per Libero Consorzio, e l’istituzione di tre Città-aree Metropolitane, Palermo, Messina e Catania. L’impianto della Legge prevede tre parti distinte di cui le prime due disciplinanti l’ordinamento dei Liberi Consorzi Comunali e delle Città Metropolitane e la terza relativa alle disposizioni transitorie e alla soppressione delle province regionali. Gli Organi del Libero Consorzio sono il Presidente, la Giunta (il cui numero dei componenti varia a seconda della popolazione da un minimo di quattro ad un massimo di sei) e l’Assemblea i cui componenti sono di diritto tutti i sindaci in carica costituenti il libero consorzio.
“Questo Disegno di legge – ha spiegato Lillo Firetto – vuol perseguire una drastica riduzione della spesa pubblica rispetto ai costi complessivi delle preesistenti provincie regionali riefficientando le competenze periferiche!”.

I commenti sono chiusi