Sì al chiosco alla Guitgia di Lampedusa, Tar sospende provvedimento Utc

Il signor D.S. di 39 anni di Lampedusa titolare di una concessione demaniale marittima per l’istallazione di un chiosco e relative pedane in legno presso la spiaggia della guitgia in Lampedusa aveva chiesto all’Ufficio Tecnico del Comune di Lampedusa il rinnovo dell’autorizzazione alla permanenza della struttura con caratteristica di stagionalità ; ma l’ufficio tecnico dettava delle prescrizioni che riducevano drasticamente la superficie utilizzabile per il punto di ristoro a soli mq 16 rispetto ai quasi 50 mq in precedenza assentiti. Il titolare della concessione ha allora proposto un ricorso davanti al Tar Sicilia, con il patrocinio dell’Avv. Girolamo Rubino, chiedendo l’annullamento, previa sospensione, delle prescrizioni dettate dal Comune di Lampedusa , nella parte in cui riducevano drasticamente la superficie utilizzabile dal punto di ristoro gestito dal ricorrente; l’avv. Rubino, vista l’estrema urgenza del caso, attesa l’imminenza dell’inizio della stagione balneare, chiedeva al presidente del Tar l’emanazione di un decreto monocratico di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato. Il Presidente del Tar Sicilia dr. Filoreto D’Agostino, condividendo le tesi difensive dell’Avv. Rubino ha accolto la richiesta di nisura cautelare monocratica ed ha sospeso il provvedimento con cui il Comune di Lampedusa ha drasticamente ridotto la superficie utilizzabile dal punto di ristoro; pertanto il titolare della concessione potrà occupare con due strutture esagonali collegate tra loro da un corridoio rettangolare quasi 50 mq, avendo ottenuto nelle more il rinnovo dell’autorizzazione paesaggistica.