Al via ‘Ma il mare non vale una cicca?’ 2013, la mappa delle spiagge in Sicilia

Spiagge libere dai mozziconi anche in Sicilia  con la campagna  “Ma il mare non vale una cicca?” promossa da Marevivo. Il 3 e 4 agosto  saranno distribuiti su oltre 400 spiagge italiane 100 mila posacenere tascabili: un gesto di responsabilità per proteggere i nostri litorali. Testimonial d’eccezione l’attore Cesare Bocci.

In Sicilia saranno coinvolte 58  spiagge e 4 Aree Marine Protette, oltre che il diretto interessamento di molti Comuni. Grande soddisfazione ha espresso il presidente regionale Sicilia di Marevivo  Fabio Galluzzo  che fa notare “l’interesse che suscita questa iniziativa, viste le numerose richieste di lidi, chioshi, Comuni e liberi cittadini, di effettuare la distribuzione e la sensibilizzazione nelle spiagge  di loro pertinenza”.

“Sono certo che nessuno di noi butterebbe mai un mozzicone di sigaretta nel proprio salotto o a casa di amici, eppure a troppa gente viene spontaneo lasciare le cicche per strada, un gesto che in estate si trasforma con altrettanta naturalezza nell’abbandonarle sulla spiaggia. Per questo motivo ho aderito alla campagna ‘Ma il mare non vale una cicca?’, perché promuove un gesto semplice che può fare una grande differenza, per il mare ma in fondo per noi stessi. Perché il mare siamo noi ed è di tutti”, commenta  l’attore Cesare Bocci.

“Il mare è un elemento fondamentale per la vita dell’uomo. Per questo dobbiamo proteggerlo non solo con serie e costanti politiche di tutela ma anche cercando di promuovere la normalità di piccoli gesti che possono costituire un grande aiuto nella conservazione di un bene così prezioso. Non posso quindi che appoggiare con grande convinzione questa campagna di Marevivo in quanto si pone un obiettivo tanto preciso quanto fondamentale: promuovere nei cittadini comportamenti consapevoli ed eco-sostenibili nella gestione e cura del nostro ambiente di vita, qualunque esso sia, mare compreso. Piccole singole azioni per ottenere un grande risultato collettivo”,  sottolinea  il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando.

Ecco la mappa delle spiagge coinvolte nell’iniziativa “Ma il mare non vale una cicca?” in Sicilia.

Provincia di Palermo: Lido di Mondello, spiaggia libera Trabia, area marina protetta Capo Gallo – Isola delle Femmine, spiaggia libera Scivoli di Sferracavallo, Cinisi Punta Spalmatore.

Provincia di Agrigento: spiagge libere di San Leon, Eraclea Minoa, Capo Rossello. Giallonardo, Scala dei Turchi, Bovo Marina, Siculiana Marina. Area marina protetta Isole Pelagie: spiaggia libera Pozzolana a Linosa; Cala Pisana, Guitgia, Cala Croce a Lampedusa.

Provincia di Caltanissetta: Marina di Butera, spiaggia libera attrezzata De Susino e Gela, spiaggia – lungomare di Svevia.

Provincia di Trapani: Mazara del Vallo Lido Il Circoletto, Marsala Lido Signorino, Selinunte Lido Zabbara, Tre Fontane Il Gazebo, Area Marina Protetta Isole Egadi: Favignana, spiaggia libera di Lido Burrone;  Marettimo al porto turistico,  Levanzo al porticciolo.

Provincia di Catania: Lido Azzurro, Lido Polifemo, Lido Excelsior, Lido America a Catania; spiagge libere Le Cocole di Santa Tecla e il Mulino di Santa Maria La Scala ad Acireale; Lido Esagono ad Aci Castello. Spiaggia del lungomare Ligabue         e spiaggia  di San Gregorio a Capo d’Orlando. A Messina Lido Club M’ama e Secche di Lazzaro; a Ginostra. Nelle Eolie: spiagge Rinell e Rapanui a Salina, spiaggia libera Canneto a Lipari.

Provincia di Ragusa:  Donnalucata, Lido Aziz e Lido Margherita a Marina di Ragusa, area Marina protetta del Plemmirio.

Provincia di Siracusa: lidi Arenella,  Sayonara e Nuovo a Fontane Bianche.

I commenti sono chiusi