Lampedusa, turismo in forte ripresa nel 2013: ecco i dati del traffico aereo e navale

Turismo in forte ripresa nel 2013 a Lampedusa. Sono 65.287 i turisti arrivati sulla maggiore delle Pelagie in aereo partendo da Milano, Roma, Bergamo, Bologna, Verona, Pisa, Parma, con voli di linea e charter, nei mesi centrali della stagione turistica, giugno e luglio. “La percentuale di incremento tra l’anno 2012 e l’anno in corso è di circa il 28%, dato che contiamo di mantenere anche per i mesi di agosto e settembre”, commenta Gaetano Palmeri, responsabile dell’ufficio aeroportuale Enac di Lampedusa. Nel 2012, in areo, a Lampedusa arrivarono 169.912 passeggeri, nel 2013 potrebbero arrivare a più di 200.000. Senza contare i passeggeri in arrivo via mare, in nave o in aliscafo, non solo però per ragioni di turismo, che “dal primo agosto 2012 a oggi sono più di 60 mila”, informa Francesco Agnello, responsabile commerciale della Compagnia delle Isole – Siremar.
“Quelli di Lampedusa sono certamente dati in controtendenza ripetto alle altre isole minori d’Italia. Questo grazie anche al riconoscimento dell’Isola dei Conigli come spiaggia più bella del mondo (secondo la classifica di Tripadvisor, ndr), al forte richiamo della visita a sorpresa di Papa Francesco, ma soprattutto grazie anche a maggiori investimenti da parte di imprenditori privati – afferma Antonio Martello, presidente del Consorzio degli Albergatori di Lampedusa -. La formula vincente è quella dei voli charter. Come consorzio e tour operator Sogni nel Blu – prosegue – abbiamo fatto gli accordi con delle compagnie aree per dei voli charter, che rappresentano oltre il 70 % del traffico passeggeri. Sono state potenziate le linee di Bergamo, Bologna, Verona, Pisa, Parma a prezzi convenienti. Noi imprenditori turistici dell’isola compriamo dei voli pagandoli a vuoto-pieno, è un metodo vincente già sperimentato da qualche anno e che quest’anno sta dando i suoi frutti migliori con una rete capillare di voli”. Collegamenti diretti da Roma, Linate, Palermo e Catania Malpensa, Verona, Bologna, Bergamo, Pisa e Parma per Lampedusa con voli di linea o charter, oppure con scalo da Roma con tutti i principali aeroporti d’Italia. Le compagnie aeree che fanno scalo a Lampedusa sono l’Alitalia, la Livingston, l’Air Dolomiti, la MistralAir del Gruppo Poste Italiane e la Darwin airline. Il Consorzio degli Albergatori poi ospita i turisti in una ventina di hotel “che già registrano il tutto esaurito, quasi tutti fino a settembre. Ma puntiamo – spiega Martello – ad allungare la stagione fino ad agosto, la mancata organizzazione dell’evento O’ Scià per il mancato sostegno delle istituzioni non è una bella notizia”.
Nell’isola cresce l’economia turistica nonostante i continui sbarchi di immigrati. “Lampedusa in questi giorni ospita circa seimila turisti, che però non si accorgono di nulla. Apprendono dei continui salvataggi da giornali e telegiornali – spiega il sindaco Nicolini -. Non vivono certamente il fenomeno perchè sono e restano due mondi distinti e separati. L’isola, dal punto di vista turistico, è dunque, vivibilissima. Lampedusa – prosegue il sindaco – conferma le sua grandi capacità di attrazione e di accoglienza turistica. I dati sulle presenze di questa stagione ci incoraggiano e ci stimolano a un ulteriore impegno, ma occorre che il Governo nazionale ci aiuti a sfruttare al meglio le nostre potenzialità dandoci un concreto aiuto per superare il gap infrastrutturale che ci penalizza fortemente anche se l’isola riesce a difendersi bene”.
Calogero Giuffrida
Da: Giornale di Sicilia