Immigrazione, Guardia costiera soccorre 116 persone a sud di Lampedusa

Con il miglioramento delle condizioni meteo marine riprendono i viaggi di migranti nel Canale di Sicilia. Nel pomeriggio di ieri, la nave Fenice della Marina Militare, ha intercettato a sud di Lampedusa un gommone alla deriva con 116 persone a bordo. Il natante, in precarie condizioni di sicurezza, è stato successivamente raggiunto dalla nave “Corsi” della Guardia Costiera, in pattugliamento nel Canale di Sicilia, che è riuscita a trarre a bordo tutte le persone presenti sul gommone. Tra queste, prevalentemente di nazionalità Somala, ci sono 17 donne e 3 bambini. Al momento la nave Corsi sta viaggiando verso le coste siciliane in attesa di essere raggiunta da due motovedette della Guardia Costiera partite da Lampedusa che provvederanno a trasbordare i migranti per il successivo trasferimento sull’isola, con arrivo previsto all’alba di oggi. Nel frattempo la Centrale operativa del Comando Generale della Guardia Costiera sta coordinando le attività di soccorso ad altri cento migranti, segnalati nel Canale di Sicilia da un aereo della Marina Militare italiana. Ta loro 9 donne e 17 bambini, tutti recuperati a bordo di un pattugliatore del Frontex, l’Agenzia europea per la gestione della cooperazione alle frontiere. La nave con a bordo i migranti, di nazionalità siriana, sta dirigendo attualmente verso la Sicilia orientale. Alle ore 06.30 circa, a 40 miglia da Porto Palo di Capo Passero, sarà raggiunta da una motovedetta della Guardia costiera di Siracusa e da un mezzo della Guardia di Finanza che prenderanno a bordo i migranti per il successivo trasferimento sulla terraferma.