Partinico, scoperta piantagione di marijuana tra le vigne

Proseguono i servizi di controllo del territorio e di contrasto ai servizi sulla produzione ed il traffico di stupefacenti dei Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo.

Nella tarda mattinata di ieri, al termine di un lungo servizio di osservazione, è scattato il blitz dei militari della Compagnia di Partinico che hanno arrestato tre uomini con l’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti in concorso.

Nei giorni scorsi, le indagini mirate alla repressione del fenomeno dello spaccio di stupefacenti avevano portato gli uomini dell’Arma a concentrare l’attenzione su una zona del territorio del Comune di Partinico particolarmente “prolifico” in materia di coltivazioni di vario genere.

La verifica delle abitudini di vita di diversi soggetti collegato con un imperterrito controllo della zona, hanno permesso di individuare, celata e mimetizzata tra i filari di vite, una coltivazione di 155 piante di cannabis indica. Le piante di sostanza stupefacente erano coltivate in corrispondenza dei ceppi di vite, ed erano state potate in modo tale che il loro apice non superasse quello dei filari di vite.

LA CORTE Giovanni, nato a Partinico classe 1946 agricoltore, pregiudicato, è stato colto mentre era intento ad annaffiare le piante mentre TAORMINA Giuseppe, nato a Partinico classe 1982, agricoltore, pregiudicato e INGHILLERI Giuseppe, nato a Partinico classe 1993, disoccupato, controllavano la presenza di persone o movimenti sospetti.

I tre, nonostante il tentativo di fuga, sono stati tratti in arresto e, una volta espletate le procedure di rito, associati alla Casa Circondariale “Ucciardone” di Palermo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.