Solidarietà a Nicolini, Brandara: “Superare i vincoli della mentalità mafiosa”

“Il grave atto intimidatorio compiuto ai danni del sindaco Giusy Nicolini è un pugno nello stomaco per tutti coloro che credono alla possibilità che questa terra si riscatti dai metodi e dagli atteggiamenti di natura mafiosa”. Lo scrive in una nota il presidente del cda del Consorzio agrigentino legalità e sviluppo Mariagrazia Brandara.
“Se la mia più totale solidarietà va al sindaco di Lampedusa, che so non si farà in alcun modo rallentare nella sua azione amministrativa da questo vile gesto, ancora una volta – aggiunge – chiedo che tutti (gli enti, le associazioni, le fondazioni, la politica, i singoli cittadini) inizino a credere davvero che se non verranno sciolti i legacci del potere mafioso – più o meno “istituzionale”- nessun futuro di sviluppo e di pace potrà essere riservato a questa terra martoriata e bellissima”.