Sicilia, Ferrandelli (Pd): “Subito rimpasto e riforme, senza inutile valzer poltrone”

“E’ inutile perdere tempo. Occorre procedere il piu’ presto possibile al rimpasto, fare innesti mirati per dare una spinta propulsiva all’azione del Governo Crocetta”. All’indomani del ‘vertice’ serale con il Pd, convocato in tutta fretta dal presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, per scongiurare i ‘venti di crisi’, dopo il botta e risposta di fuoco degli ultimi giorni tra il leader democratico siciliano, Giuseppe Lupo, e lo stesso governatore sul tema del rimpasto, Fabrizio Ferrandelli, parlamentare regionale Pd dell’area renziana, non nasconde la sua soddisfazione. “Non possiamo che essere contenti della schiarita tra il nostro partito e il presidente della Regione, che noi abbiamo contribuito ad eleggere, ma che vorremmo sentire piu’ nostro, perche’ negli ultimi tempi abbiamo avuto la sensazione di essere ospiti piu’ che protagonisti” dice all’Adnkronos. Il suo e’ nell’elenco dei nomi dei papabili assessori, subito dopo quelli dello stesso segretario siciliano democratico, Giuseppe Lupo, e dell’ex capogruppo del partito all’Ars, Antonello Cracolici. “Non ne facciamo una questione di nomi, ma di progetti – tiene a precisare pero’ Ferrandelli -. Siamo da sempre convinti che i politici al pari dei tecnici hanno competenze da poter mettere al servizio dell’Isola e per primi, ormai da mesi, sosteniamo la necessita’ di una spinta propulsiva all’azione di governo”. Insomma ben venga il rimpasto, purche’ “sia accompagnato dalle riforme, prima tra tutte quella del lavoro. Senza sarebbe solo un valzer di poltrone a cui non siamo interessati”. “Lunedi’ durante la direzione del partito – assicura Ferrandelli – sara’ affrontato anche il tema del rimpasto, che, sia chiaro, non puo’ essere il frutto di un accordo tra correnti e anime diverse del partito, occorre confrontarsi con la base”. E gli assessori da sostituire? “E’ una valutazione che dovra’ fare il governatore, io posso dire personalmente di non essere affezionato in particolare a nessuno. Mi auguro poi che anche gli altri partiti rappresentati in Giunta – conclude – facciano le loro valutazioni”. (Adnkronos)