Sicilia, Confindustria: “Regione in ritardo su debiti pubblica amministrazione”

Lunedi’ scadra’ il termine previsto per la comunicazione dei debiti alla piattaforma della Ragioneria generale dello Stato. Comunicazione che spetta ai singoli dirigenti degli enti debitori, Comune, Provincia e Regione, e che punta a rendere trasparente il rapporto tra il creditore e il committente, offrendo alla comunita’ finanziaria la possibilita’ di dare ossigeno all’asfittico e boccheggiante tessuto economico siciliano. ”Ad oggi pero’ – sottolinea Confindustria Sicilia – sono pochissimi gli enti pubblici che hanno dato seguito a quest’obbligo, vanificando di fatto un’occasione per dare liquidita’ alle imprese dell’Isola. Le banche, infatti, preferiranno finanziare le imprese di quelle regioni dove i rapporti debiti/crediti siano assolutamente chiari e trasparenti”. Questo adempimento diventa ancora piu’ importante alla luce della recente decisione del governo nazionale di anticipare al 2013 ulteriori 7 miliardi col decreto legge sull’Imu per lo smobilizzo dei crediti vantati con la Pubblica Amministrazione.(Adnkronos)