“Figlio del boss tra i volontari, Wwf fuori dal centro ambiente di Siculiana Marina”

Il figlio del boss è volontario del Wwf di Torre Salsa che gestisce un bene confiscato al padre. Ma il Consorzio agrigentino per la legalità e lo sviluppo non ci sta e avvia il procedimento di revoca del contratto di comodato d’uso del centro per l’ambiente e la legalità realizzato a Siculiana Marina in un immobile confiscato al presunto boss Gigi Caruana. Il provvedimento arriva dopo quasi un anno di polemiche tra le associazioni ambientaliste (Wwf, Marevivo e Legambiente) a cui era stata affidata la struttura. A chiedere al Consorzio “la sospensione di ogni attività e la restituzione del bene” erano stati lo scorso giugno Marevivo e Legambiente uscite dall’ats dopo le polemiche per l’assunzione, a tempo determinato, nel Wwf di Leonardo Caruana, figlio del presunto boss a cui è stato sottratto il bene. La vicenda fu segnalata dai carabinieri di Agrigento alla Dda di Palermo.
Maggiori dettagli in un articolo pubblicato oggi sull’edizione agrigentina del Giornale di Sicilia