Immigrati, Boldrini: “Legge Bossi-Fini aumenta solo lavoro delle procure”

“La Legge Bossi-Fini che prevede il reato di immigrazione clandestina non fa che aumentare il lavoro nelle procure, tirate voi le somme…”. Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini a Palermo nel corso di una convegno. “Il fatto che ci sia un dibattito aperto mi pare molto positivo – dice – Ma l’opinione pubblica conosce fino a un certo punto la legge e le conseguenze di questa legge. La Bossi-Fini e’ basata su un principio singolare: prevede l’immigrazione regolare in modo che la persona che ha bisogno, entri gia’ con un permesso di soggiorno. Chi fa questo?


Nessuno di noi affiderebbe un genitore o un figlio senza conoscere la persona in questione. In questi anni e’ accaduto che molte pevrsone arrivavano con un visto turistico e poi restavano a cercare un lavoro nero”. ”Quando arrivava il decreto flussi, si faceva finta che questa persona non era mai venuta e gli si mandava il contratto di lavoro. Le cosa vanno dette, io mi assumo la responsabilita’. Questo non e’ un sistema sostenibile nel medio termine perche’ genera irregolarita’. Poi c’e’ stato il pacchetto sicurezza con il reato di immigrazione clandestina. La verita’ e’ che nelle procure c’e’ tanto lavoro in piu'”. (Adnkronos)