Truffa Regione e arresti, Scilabra: “Indegni di rappresentare le istituzioni”

L’assessore alla Formazione professionale della Regione siciliana, Nelli Scilabra, studentessa di Giurisprudenza, ha ricevuto diversi sms da parte di ragazzi, in larga parte giovani che hanno lasciato la Sicilia per cercare occupazione in altre parti del Paese e in Europa: “Fanno schifo – e’ il contenuto dei messaggi – Io sono a ricercare lavoro e a consegnare curricula a Milano e loro rubano i nostri soldi”.


E ancora: “Io sono all’estero perche’ non ho trovato occupazione e chi dovrebbe ringraziare Dio per il proprio posto di lavoro si frega soldi e alimenta un sistema marcio”. I testi li ha resi noti la stessa Scilabra, dopo l’operazione dei carabinieri che ha portato all’arresto di 13 funzionari regionali e 2 imprenditori, accusati di truffa. L’assessore ricorda “il clamore che sollevo’ il nostro provvedimento di rotazione all’interno del dipartimento: si parlo’ di provvedimento ingiusto, lesivo dell’immagine di un’amministrazione pubblica. Alla luce di quanto emerso questa mattina ritengo che quel provvedimento e’ stato fondamentale, ad oggi su 13 arresti, ben dieci coinvolgono dipendenti che furono oggetto del provvedimento di rotazione e trasferimento verso altri rami della Regione Siciliana”. (ANSA)