Danni all’erario, rinviato a giudizio ex dirigente Asi di Agrigento

E’ stato rinviato a giudizio, per danno erariale, dalla procura regionale della corte dei conti il dirigente dell’ex consorzio Asi di Agrigento Rosario Gibilaro. L’indagine è scaturita dalle denunce dell’ex commissario dell’Asi Alfonso Cicero, oggi presidente del nuovo consorzio Irsap (Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive). Il dirigente era stato licenziato insieme ad altri colleghi e recentemente il tribunale del lavoro ha respinto la sua richiesta di reintegro.


Gibilaro è accusato di aver liquidato le quote di contributi alla Cassa forense richiesti in pagamento all’ex presidente del consorzio Stefano Catuara per l’attività di avvocato. L’atto di citazione comunicato dalla procura della corte dei conti – con nota n. G 61353 del 7 novembre 2013 – è pervenuto ieri all’Irsap. Lo scorso luglio la procura contabile aveva rinviato a giudizio altri 11 ex amministratori e dirigenti dell’ex consorzio Asi di Agrigento. “In attesa di eventuali ulteriori sviluppi, quest’ultimo rinvio a giudizio non fa altro che riconfermare secondo le conclusioni formulate dalla procura regionale della corte dei conti – sottolinea in una nota il direttore generale dell’Irsap Giuseppe Francesco La Barbera – il clima di profonda illegalità instaurato presso il Consorzio Asi di Agrigento durante la gestione di Catuara e Casesa. Gestione denunciata con forza e senza timori nel corso del 2012 da Alfonso Cicero, fatto oggetto – aggiunge La Barbera – di minacce e pesanti intimidazioni per le numerose battaglie intraprese per il ripristino della legalità in diversi ex consorzi Asi prima gestiti in qualità di commissario straordinario ed adesso in qualità di rappresentante legale degli stessi nel ruolo di presidente dell’Irsap”.