Immigrazione, sindaco Lampedusa a premio “Cutuli”: “Europa renda effettivo diritto d’asilo”

”La ferita del naufragio si puo’ chiudere solo se cambiano le politiche d’asilo. Credo che a Lampedusa le cose sian cambiare dopo la visita di Papa Francesco perche’ e’ aumentata la visibilita’ dei morti e del ruolo dell’isola. Chiaramente, questa attenzione finira’, quello che deve rimanere e’ la mobilitazione civile e questo tema dell’asilo, che va sottratto alla propaganda politica”.


Lo ha detto il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini parlando con i giornalisti a Catania a margine della consegna della nona edizione del premio internazionale di giornalismo intitolato a Maria Grazia Cutuli, l’inviata del Corriere della Sera uccisa con altri tre colleghi in un agguato in Afghanistan il 19 novembre del 2001, organizzato dalla Fondazione Cutuli. ”Spero – ha aggiunto – che ci sia ancora solidarieta’ e vicina verso la mia isola, che per troppo tempo e rimasta sola e incompresa. Tutto dipende dall’Europa. Occorre che il Vecchio Continente renda effettivo l’esercizio del diritto d’asilo”. (Adnkronos)
Nella foto il sindaco Nicolini con la giornalista Adnkronos Elvira Terranova ieri a Catania alla cerimonia di premiazione del Prmio Maria Grazia Cutuli