Violenza sulle donne, incontro a Porto Empedocle. Schembri: “Più prevenzione”

Oggi, 25 novembre, in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, presso l’Auditorium di Porto Empedocle, alle ore 18.00, si svolgerà la presentazione del libro di Serena Maiorana, ‘Quello che resta’. L’evento proposto dalla professoressa Antonella Schembri, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Porto Empedocle, affronta la tematica delfemminicidio attraverso la storia di Stefania Noce, giovane siciliana uccisa per mano del fidanzato, magistralmente raccontata dall’autrice del libro.


“Quella di oggi sarà un’occasione importante per riflettere su una delle emergenze sociali più discusse degli ultimi tempi. Un fenomeno esteso e non lontano da casa nostra” – dichiara l’Assessore Schembri. “La violenza contro ledonne è una delle più profonde piaghe dell’umanità,radicata nella cultura della nostra società, basata sulla famiglia di tipo patriarcale, dove l’uomo decideva, comandava, occupando la maggior parte dei ruoli istituzionali e sociali. Ad oggi molte sono le conquiste fatte dall’universo femminile ma bisogna ancora percorrere tanta strada. E questo è reso evidente dal numero di donne che oggi subiscono violenze di ogni genere”. E continua: “Ritengo sia compito e dovere delle Istituzioni usare tutte gli strumenti a disposizione per combattere tale tragedia. Bisogna realizzare una radicale attività di prevenzione a partire dalle scuole fino ad arrivare ad ogni ambito sociale raccordando tutte le Associazioni locali affinché si prefiggano obiettivi comuni”.