Cinema: “Enzo Tortora, una ferita Italiana” nelle scuole di Agrigento

Il docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana”, di Ambrogio Crespi prodotto dal Gruppo Datamedia, dopo la Camera dei Deputati e l’Ara Pacis di Roma, sara’ proiettato nelle scuole medie superiori. I primi istituti ad ospitare la proiezione saranno alcune scuole della provincia di Agrigento. L’iniziativa promossa dalla provincia agrigentina ed organizzata con il supporto del prof. Giuseppe Arnone (responsabile per sede provinciale di Agrigento dell”Universita’ Telematica delle Scienze Umane Niccolo’ Cusano’) e’ indirizzata agli studenti delle quinte classi superiori e prevede tre appuntamenti il primo il 18 dicembre in mattinata presso l”Istituto Nicolo’ Gallo’ di Agrigento e vedra’ partecipare tra gli altri: il regista Ambrogio Crespi, l’ex compagna di Tortora Francesca Scopelliti e Vittorio Pezzuto, autore del libro “Applausi e sputi”. Il secondo evento e’ previsto sempre per lo stesso giorno ma nel pomeriggio presso la libreria ‘Il Papiro’ di Favara, mentre il terzo sara’ in calendario il giorno successivo e si terra’ nella sala consiliare del Comune di Ravanusa.


In tutte e tre le occasioni ci sara’ la proiezione del documentario e successivamente un dibattito su giustizia e carceri. In merito all’iniziativa il Prof. Giuseppe Arnone ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Sicilia24News: “Avendo visto questo documento struggente ho pensato fosse interessante proiettare il docufilm nelle scuole superiori della provincia di Agrigento. Ritengo infatti che non si parli in maniera continua e degna di Enzo Tortora perche’ qualcuno tende a far dimenticare la sua storia. Per evitare che nel futuro ci siano ancora queste mostruosita’, penso che sia necessario educare i giovani a capire che la giustizia giusta non deve riguardare solo i potenti ma anche la gente comune.” (ilVelino)