Teatro: a Roma un pezzo Sicilia, “Pallonate” di Ficarra e Picone

Sbarca a Roma un pezzo di Sicilia: quella ancora viva e colorata di Salvo Ficarra e Valentino Picone descritta negli anni in una rubrica sull’edizione siciliana di ‘Repubblica’. Lo spettacolo, una sorta di ‘cunto’ (racconto), sara’ in scena al teatro dei Satiri dal 14 al 22 dicembre prossimi: la voce narrante e’ quella di Salvo Piparo, un vero ‘custode’ delle piu’ antiche memorie dell’isola, che da anni racconta la Sicilia e le sue storie di vita e leggende popolari.


Il ‘colore’ e’ affidato invece alla musica di Rosemary Enea (pianoforte) ed alla voce di Costanza Licata, figlia di Salvo Licata, giornalista de ‘L’Ora’ ed autore di spettacoli teatrali. Uno dei ‘cantori’ piu’ attenti della ‘casbah palermitana’ ed al quale proprio di recente la citta’ ha intitolato una via nel centro di Palermo. Tante le ‘pallonate’ dei due autori ora prestati ai set televisivi: tanti i personaggi lanciati dal ‘dischetto’. Vere e proprie punte che srotoleranno il racconto dribblando gli avversari e le tante contraddizioni dell’essere siciliano: surreali pazzi con ancora un barlume di lucidita’ riaccenderanno gli animi dei cittadini assonnati o anche le lettere di Giovannino, metteranno a fuoco l’importanza di un linguaggio, quello di un bambino di 10 anni che racconta “la famiglia di oggi” con i suoi “occhi svegli”. Tra un racconto e l’altro non mancheranno le tinte forti, i cartellini rossi, come il mondo di Mansur, storia di un qualsiasi lavavetri “turco”. E poi i pallonetti, le carambole sui muri e le parabole dei “sacchetti di munnizza” tirati dai balconi di tutti i palazzi come un vero e proprio sport praticato dai quartieri schierati contro la raccolta differenziata che ormai incombe su di loro. Insomma – come racconta Piparo durante lo spettacolo – “i pazzi in Paliemmu un mancano”, “ma sono i piu’ normali”, canta Licata. E Pallonate ne offre una gustosa galleria. (ANSA)