Agrigento, la polizia di Stato resta a piedi: “pantere” vecchie e guaste

“Quanto temevamo è accaduto, il già grave stato di usura e vetustà degli automezzi di cui dispone la Polizia Stradale di Agrigento con i suoi distaccamenti di Canicattì e Sciacca è ormai giunto al suo infausto epilogo. La questione ci impone il dovere di denunciare all’opinione pubblica ed alla società civile, molto sensibile alle questioni afferenti la sicurezza stradale, le condizioni d’uso in cui versano le poche autovetture della polizia stradale dell’intera provincia”. Lo afferma, in un comunicato stampa, il segretario provinciale del Silp-Cgil Vito Alagna.
“È di oggi – prosegue la nota – la notizia che una delle ultime tre autovetture in dotazione alla specialità di Agrigento con circa 170.000 km di percorrenza è stata ricoverata in autofficina per gravi danni al motore . Delle sette autovetture di servizio di cui disponeva tutta la stradale della provincia questa era “tra le più fresche” rispetto alle sei autovetture rimaste. L’ufficio capoluogo rimane così con sole due autovetture , di queste è affidabile solamente una BMW Station Wagon con circa 45.000 km mentre la seconda è un fuoristrada Subaru con 270.000 km. Circa di percorrenza.
Le altre quattro autovetture in uso ai distaccamenti di Sciacca e di Canicattì – aggiunge Alagna – hanno una percorrenza media di 260.000 chilometri ed alcune di queste continuano ad essere utilizzate solamente per la disponibilità del personale pattugliante .
D’altro canto nessuna colpa si può addebitare ai vertici locali della Polizia Stradale, atteso che lo stato del parco veicolare e’ direttamente connesso ai tanti troppi tagli lineari operati dai vari governi a danno delle forze dell’ordine. Grazie anzi alla diligenza e parsimonia con cui i mezzi di vita media di sette anni, sono sempre stati utilizzati e salvaguardati, si è potuto “ tirare avanti la carretta”.


Ora però, la misura è colma; in vista delle prossime festività, in un momento storico in cui dovremmo avere una maggiore presenza di agenti su strada, per garantire la necessaria sicurezza, sarà davvero arduo incrociare una pattuglia della polizia stradale sulle vie di grande comunicazione della provincia e sul territorio. Il rischio di tenere fermi in caserma i già pochi uomini della Polizia Stradale, diventa quindi oltre che paradossale, dannoso per l’intera collettività. Auspichiamo che i vertici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Servizi Polizia Stradale raccolgano questo grido di allarme e provvedano urgentemente all’assegnazione di nuove autovetture alla Polizia Stradale.-
Ed a tal riguardo – conclude il Silp-Cgil di Agrigento -non si può sottacere la recente e discutibilissima assegnazione di tre Autovetture BMW Station Wagon predisposte per i servizi di Polizia Stradale, alla Questura di Agrigento per fronteggiare l’emergenza immigrazione . Su questa vicenda, chiederemo lumi al Dipartimento della Pubblica Sicurezza per comprendere quali regole di buon andamento della pubblica amministrazione e di spending rewiew “hanno determinato tali scelte”.