Esercitazione antincendio al porto di Porto Empedocle (FOTO)

Esercitazione antincendio questa mattina all’interno dello scalo marittimo di Porto Empedocle. Il test predisposto dalla Capitaneria di Porto vede periodicamente coinvolti la Guardia Costiera, i Vigili del fuoco, il 118, gli operatori portuali e le altre Forze di polizia, per testare la prontezza del soccorso e l’efficienza di uomini e mezzi.


La simulazione ha riguardato un intervento per incendio scoppiato bordo di un motopesca proprio all’imboccatura dello scalo marittimo di Porto Empedocle, incidente in cui è stato coinvolto anche un pescatore componente dell’equipaggio che è rimasto ustionato. Intorno alle ore 10 la sala operativa della Guardia Costiera riceve un Sos dal peschereccio “Agostino padre” che comunica di avere subito un incendio a bordo a poche centinaia di metri dall’imboccatura del porto, che ha investito la parte prodiera, con coinvolgimento di personale che era a bordo.


Parte la macchina dei soccorsi, coordinata dal Comandante, Capitano di Fregata Massimo Di marco; viene disposta l’immediata uscita due motovedette, una della Guardia Costiera e l’altra dei Carabinieri; Sul luogo dell’incidente viene inviato anche il rimorchiatore “Vigata” dotato di manichette per spegnere l’incendio, e il pilota del porto. In banchina arrivano due autopattuglie della Capitaneria di Porto unitamente ad altre Forze di Polizia e agli uomini dei Servizi tecnico-nautici. Intanto viene richiesto l’intervento di una autobotte dei Vigili del fuoco e una ambulanza del 118, per lo spegnimento dell’incendio ed il soccorso alla persona che è rimasta ustionata a bordo dell’imbarcazione.
Le unità navali raggiungono il peschereccio ed iniziato l’opera di spegnimento che viene perfezionata all’arrivo all’ormeggio dai vigili del fuoco. Intanto il personale medico del 118 sale a bordo per soccorre il ferito, che viene successivamente caricato sull’ambulanza per il trasporto in ospedale..
“Tutte le operazioni – ha commentato il comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Frega Massimo Di marco – sono state condotte con l’impegno di un soccorso vero, tutte le componenti hanno evidenziato un ottimo grado di preparazione con grande sinergia e competenza. Tempi di intervento rapidissimi ed una competenza eccellente. Insomma un grado di efficienza ottimo che sicuramente potrà tornare utile in caso di scongiurata, reale necessità”.