Energia, Comune Porto Empedocle blocca conversione centrale Enel



Il Consiglio comunale di Porto Empedocle (Agrigento) ha bocciato la proposta di allacciare la centrale Enel alla rete gas della Snam, passaggio necessario alla conversione della centrale elettrica da olio combustibile a gas. Il Consiglio ha invece proposto all’Enel di spostare l’impianto nella vicina zona Asi nei pressi del quale sorgera’ il rigassificatore. La decisione -secondo Enel- mette a rischio investimenti per 80 milioni di euro e 200 posti di lavoro nell’area empedoclina e potrebbe anche di creare problemi per la stabilita’ del sistema elettrico.
“Lascia stupiti -spiega l’azienda- la decisione del Consiglio comunale di non concedere il nulla osta per i lavori del gasdotto di collegamento tra la centrale e la rete esistente. Non si comprende davvero quali possano essere le ragioni del diniego, dopo che avevamo dato ampie rassicurazioni sulla sostenibilita’ tecnica, ambientale e occupazionale del progetto di adeguamento e trasformazione a gas della centrale esistente, fondamentale per la stabilita’ del sistema elettrico della Sicilia”. Si tratta di un’opera che aveva peraltro gia’ ottenuto il parere favorevole dello stesso Comune durante l’iter autorizzativo approvato nella conferenza di servizi dalla Regione. (AGI)