Giornalismo, consegnati premi Assostampa Agrigento : le motivazioni (FOTO-VIDEO)

Sono state consegnate ieri sera a Realmonte le targhe del Primo Premio Giornalistico Assostampa Agrigento. I riconoscimenti sono stati attribuiti a Gioacchino Schicchi del quotidiano La Sicilia per la Sezione A, miglior servizio, a Silvio Schembri di Agrigentonotizie, per la Sezione B, relativa al prestigio dato alla categoria, e a Gaetano Savatteri del Tg5, ma anche una delle anime più appassionate di Malgradotuttoweb, per la Sezione Speciale. Presenti i premiati, eccetto Savatteri, che non ha potuto ritirare personalmente il riconoscimento, ma ha inviato da Roma un videomessaggio di ringraziamento con un pensiero rivolto al lavoro che svolgono i cronisti in provincia di Agrigento.


I tre giornalisti sono stati ritenuti meritevoli dalla Giuria presieduta dal segretario provinciale dell’Assostampa Stelio Zaccaria e composta da Angelantonio Palillo, Anna Maria Scicolone, Vittorio Alfieri, Filippo Cardinale, Antonio Franco Morello, Carmelo Vella e Angelo Gelo. “Abbiamo ereditato l’Assostampa in una fase di disgregazione tra i colleghi – ha affermato il segretario Zaccaria -, i quali non vivevano più, come un tempo, momenti di vita comuni, né professionali, né personali. Ora ci sentiamo di condividere insieme questo bellissimo mestiere. Abbiamo istituito il premio per due motivi – ha precisato –: prima di tutto, per stimolare i giornalisti, soprattutto i più giovani, ad impegnarsi per distinguersi nello svolgimento di un lavoro che è appassionante, originale, mai ripetitivo, e produttivo; in secondo luogo, per rendere anche all’esterno un’immagine positiva e edificante dei giornalisti agrigentini. Infine abbiamo voluto premiare anche Gaetano Savatteri, perché ha contribuito a dare un’immagine viva e appassionata della nostra provincia e della Sicilia, non soltanto da lontano, ma operando costantemente per mantenere un’interconnessione continua e concreta tra il mondo giornalistico e della cultura, nazionale e locale”.

Gioacchino Schicchi, 29 anni, pubblicista dal gennaio 2013, collaboratore dell’”Amico del Popolo” e del quotidiano “La Sicilia”, già collaboratore del “Giornale di Sicilia” e di “Agrigentonotizie”, è stato selezionato per un servizio, considerato dalla Giuria degno di nota tra le altre segnalazioni pervenute alla scadenza del 15 novembre. Il suo lavoro è stato ritenuto “interessante e approfondito” e “denota non soltanto conoscenza del mestiere, ma anche passione e accuratezza nella ricerca degli elementi della notizia, conoscenza e rispetto delle regole deontologiche e volontà di approfondire fatti peculiari del proprio territorio, in tutta libertà e in buona fede”. Il premio gli è stato assegnato “con l’auspicio che possa continuare ad essere esempio di buona volontà e passione per tutti i giovani colleghi”; per la Sezione B, relativa al prestigio dato alla categoria, è stato premiato Silvio Schembri, 22 anni, pubblicista dal maggio 2012, caporedattore di Agrigentonotizie, responsabile dei rapporti con i media della società di basket Fortitudo e già collaboratore del Giornale di Sicilia, di TmNews e di Tgmed. La Giuria ha ritenuto che “nonostante la sua giovane età, sia stato in grado non soltanto, com’è ovvio, di cogliere il valore e l’importanza della notizia dell’arrivo di Papa Francesco a Lampedusa, ma anche di verificarne la fonte, di battere sul tempo tutti i colleghi, nonché di mostrare con garbo la consapevolezza della forza di un messaggio dalla portata anche politica non indifferente”. Il premio gli è stato assegnato “per aver contribuito a restituire un’immagine seria e impegnata della categoria dei giornalisti che operano sul territorio”. A consegnargli la targa è stato il giornalista Marco Alessi, già direttore di Agrigentonotizie. Un pensiero è stato rivolto al fratello Giovanni Alessi, recentemente scomparso, sempre particolarmente attento all’attività editoriale e giornalistica. Il Premio di Gaetano Savatteri è stato ritirato dal direttore di Malgradotutto, Egidio Terrana, al quale sono state consegnate anche le motivazioni: “Il premio della sezione Speciale viene assegnato dalla Giuria a Gaetano Savatteri, poiché nonostante la sua professione da anni lo proietti ai più alti livelli, sia come giornalista di programmi tv, che come cronista del Tg5 e scrittore, si è mantenuto comunque sempre vicino alla sua terra d’origine e ai suoi colleghi agrigentini. Savatteri ha dimostrato con la presenza e l’impegno, non solo giornalistico, ma anche culturale e sociale, di voler mantenere un legame molto forte con una realtà che troppi, invece, una volta raggiunte le più alte vette nazionali, tendono a lasciare e dimenticare. Il premio gli viene consegnato per la sua capacità di far valere l’autorevolezza che gli deriva dalla indubbia professionalità, mantenendo, con semplicità, umiltà e schiettezza, una rete di relazioni e di amicizie con il territorio agrigentino, fino ad essere uno degli intellettuali più impegnati della provincia e una delle anime più appassionate del sito d’informazione “malgradotuttoweb””. “Grazie per questo premio – sono state le parole del videomessaggio di Gaetano Savatteri – che è importante perché istituito ad Agrigento, nella provincia, a cui sono e sarò sempre legato. Grazie a tutti i colleghi ed amici che mi hanno voluto onorare in questo modo. Mi dispiace di non essere presente con voi, ma altri impegni mi impediscono di essere in queste ore ad Agrigento. Ma volevo dirvi grazie, grazie per quello che soprattutto fate ogni giorno, raccontando la nostra terra, i nostri paesi, le nostre città, i tanti problemi che abbiamo. Ecco, questo premio che voi date a me lo vorrei dedicare a tutti i cronisti che ogni giorno sul territorio fanno faticosamente questo bellissimo e difficile mestiere”.

I commenti sono chiusi