Mafia, Cuffaro: “Avevo sperato ma accetto sentenza e carcere”



“Avevo coltivato la speranza di poter continuare a scontare la mia pena ‘in affidamento’ al servizio del piu’ bisognosi, di quelli che come me cercano e hanno bisogno di speranza. I giudici del Tribunale di Sorveglianza hanno deciso che io debba rimanere in carcere per il resto della pena. Non sono ancora rieducato e risocializzato. Come sempre e come e’ giusto e doveroso accetto e rispetto la sentenza”. Lo dice l’ex presidente della Regione siciliana Salvatore Cuffaro, che sta sontando una condanna a 7 anni per favoreggiamento aggravato di Cosa nostra, il giorno dopo la decisione del Tribunale di sorveglianza di rigettare la richiesta di essere affidato ai servizi sociali. (AGI)