Mafia, questore Palermo: “Arresteremo anche Matteo Messina Denaro”



“Sono fiducioso: chiuderemo la partita su Matteo Messina Denaro “. Cosi’ il questore uscente di Palermo, Nicola Zito, che oggi ha incontrato i giornalisti per fare il bilancio di fine anno e salutare la citta’ prima di trasferirsi al Centro nazionale anticrimine come direttore centrale. “Ho iniziato a occuparmi di lui nel 1994 da Firenze – ha aggiunto Zito – abbiamo continuato a Palermo e continuero’ da Roma. In questi anni mi sono occupato di mafia. Prima per le stragi di Roma e Firenze, poi ad Agrigento. Abbiamo arrestato diversi latitanti, arresteremo anche lui”. Zito ha anche illustrato il suo sistema di lotta alla mafia fondato sulla lotta costante anche della microcriminalita’.


“Cosa nostra non si sconfigge con due,tre operazioni importantissime. E’ impossibile, bisogna fare un’attivita’ a 360 gradi. Abbiamo scardinato Cosa nostra perche’ in questi anni e’ cambiata Palermo, e’ cambiata la Sicilia ed e’ peggiorata Cosa nostra. Ci stiamo riappropriando piano piano del nostro territorio, che vuol dire operare di settimana in settimana con tutte le altre forze dell’ordine. Facendo sistema, controlli continui, andare nei quartieri. La gente non vuole piu’ parole, vuole dati, concretezza e fatti”. Al posto di Nicola Zito arrivera’ il 30 dicembre il nuovo questore Maria Rosaria Maiorino. Primo questore donna nel capoluogo palermitano. (ANSA)

I commenti sono chiusi