Montreal, funerali con bara d’oro per il “padrino” Vito Rizzuto (FOTO)



E’ stato sepolto in una bara d’oro, uguale a quelle già utilizzate per suo padre e per suo figlio, il “padrino” Vito Rizzuto. Centinaia di persone tra parenti, amici, conoscenti e curiosi oggi pomeriggio nella chiesa di Notre Dame de la Défense nella Little Italy di Montreal per l’ultimo saluto al boss italo-canadese originario di Cattolica Eraclea (Agrigento) morto lunedì scorso a 66 anni, a causa di un cancro ai polmoni, nell’ospedale del Sacro Cuore di Montreal.
Più di una dozzina di limousine nere con diverse composizioni floreali elaborati e un corteo di circa 800 persone hanno accompagnato la salma dell’uomo che per anni è stato ritenuto al capo di una delle più potenti organizzazioni mafiose internazionali che aveva tentato di mettere le mani sull’appalto del ponte dello Stretto di Messina e su un riciclaggio di 600 milioni di dollari attraverso la Made in Italy Spa con sede a Roma di fronte a Palazzo Chigi.
Otto necrofori hanno portato in spalla la bara d’oro con la salma di Vito Rizzuto già finita nella lussuosa tomba di famiglia al cimitero San Francesco d’Assisi di Montreal, accanto a quelle del padre Nick Rizzuto Senior e del figlio Nick Rizzuto Junior, il passato e il futuro del clan, entrambi uccisi in una guerra di mafia mentre il “padrino” era in carcere.
Con la morte di “don” Vito sembra tramontare la dinastia mafiosa dei Rizzuto.
Foto di Vincenzo D’Alto e Paul Cherry del The Gazette



I commenti sono chiusi