Finanziaria in Sicilia: manca l’accordo, lavori d’aula rinviati a domani



L’Assemblea regionale siciliana nella seduta di martedì 7 gennaio 2014, presieduta dal Presidente Giovanni Ardizzone e dal vicepresidente Antonio Venturino, ha continuato e completato la discussione generale, votando il passaggio agli articoli dei documenti finanziari della Regione.
Nel dibattito sono intervenuti gli onorevoli Greco Giovanni, Greco Marcello, Ciaccio, Milazzo Giuseppe, Di Mauro, Trizzino, Alongi, Palmeri, Pogliese, Grasso, Figuccia, Cracolici, Formica, Vinciullo, Lentini, D’Asero, Laccoto, Fazio, Assenza, Malafarina, Firetto, Gianni e Gucciardi. A questi interventi ha replicato il Presidente Rosario Crocetta.
Il Presidente Ardizzone ha comunicato che, con nota pervenuta alla Segreteria generale il 30 dicembre 2013, l’onorevole Clemente ha dichiarato di aderire al Gruppo parlamentare Misto, cessando contestualmente di far parte del Gruppo parlamentare ‘Grande Sud – PID Cantiere Popolare’. Conseguentemente, il Gruppo ‘Grande Sud – PID Cantiere Popolare’, sceso al di sotto del numero minimo di deputati previsto dal comma 2 dell’art. 23 del Regolamento interno dell’ARS per costituire un Gruppo parlamentare, rimane temporaneamente in vita, secondo la prassi di questa Assemblea regionale e di quella vigente alla Camera dei Deputati, fino a quando il Consiglio di Presidenza avrà deliberato al riguardo.
L’Aula è stata rinviata a mercoledì 8 gennaio 2014, alle ore 11.00, con il seguente ordine del giorno:
I) Comunicazioni.
II) Discussione dei disegni di legge:
1) “Bilancio di previsione della Regione siciliana per l’anno finanziario 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014-2016.” (Seguito)
2) “Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2014. Legge di stabilità regionale.” (Seguito)
3) “Promozione della ricerca scientifica in ambito sanitario”. (Seguito)
4) “Disegno di legge voto da sottoporre al Parlamento della Repubblica, ai sensi dell’articolo 18 dello Statuto, recante “Norme per l’apertura di una casa da gioco nei Comuni di Taormina e Palermo”. (Seguito)
5) “Schema di progetto di legge costituzionale da proporre al Parlamento della Repubblica ai sensi dell’articolo 41 ter, comma 2, dello Statuto, recante “Modifica dell’articolo 36 dello Statuto della Regione, in materia di entrate tributarie.”
6) “Modifiche alla legge regionale 20 aprile 1976, n. 35”.
7) “Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto”.
8)”Disposizioni in materia di pagamenti della Pubblica Amministrazione. Anticipazione finanziaria alla società Riscossione Sicilia”.