Casteltermini, due arresti per maltrattamenti in famiglia e resistenza ai carabinieri



Nella nottata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Casteltermini e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cammarata, hanno arrestato i fratelli Stefano e Giovanni Circo, rispettivamente di anni 36 e 33, del luogo, già noti alle Forze dell’Ordine, perché si sono resi responsabili dei reati di maltrattamenti in famiglia, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

In particolare i Carabinieri della Stazione Casteltermini, chiamati ad intervenire presso l’abitazione di Giovanni Circo, hanno constatato che, per futili motivi, aveva avuto un violento litigio con i genitori della convivente, notando che lo stesso presentava vistose escoriazioni alle mani. A questo punto i militari lo bloccavano e lo facevano uscire di casa; una volta fuori l’uomo, improvvisamente, andava in escandescenza e si scagliava, con calci e pugni, prima contro l’autovettura di servizio dei Carabinieri e poi contro gli stessi militari intervenuti, i quali, dopo averlo ricondotto alla calma, lo conducevano in caserma.


Alcuni minuti più tardi giungeva in caserma il fratello Stefano Circo, il quale, anch’esso in evidente stato di agitazione, minacciava dall’esterno i Carabinieri affinché lo facessero entrare per liberare il fratello. Nel frattempo sopraggiungeva, in supporto ai Carabinieri di Casteltermini, un’altra pattuglia dell’Aliquota Radiomobile del Comado Compagnia di Cammarata, e Stefano Circo, notata la presenza di quest’ultimi, inveiva contro di loro con frasi ingiuriose e minacciose e, avvicinatosi, li colpiva con spintoni e, pertanto, veniva immediatamente bloccato e tratto in arresto per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
Gli arrestati, dopo le formalità di legge, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza, in attesa del giudizio per direttissima disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.