Abusivismo edilizio, condannato ex sindaco Sodano: 100 euro per danni a immagine città



Abusivismo edilizio, nuova condanna per l’ex sindaco ed ex senatore Calogero Sodano. l’ex primo cittadino agrigentino dovrà pagare al Comune di Agrigento un risarcimento di centomila euro per aver provocato danni all’immagine della città dei templi non avendo contrastato, anzi in alcuni casi lo avrebbe favorito, l’abusivismo edilizio nella zona adiacente all’area archeologica della valle dei templi di Agrigento.
E’ quanto ha deciso la Corte dei conti della Regione siciliana respingendo un ricorso straordinario dell’ex senatore Calogero Sodano per la l’annullamento di una precedente sentenza di condanna.


Secondo i giudici della sezione giurisdizionale d’appello della Corte dei conti, il ricorso non può essere accolto per irregolarità procedurali. Sulla vicenda di abusivismo edilizio ad Agrigento l’ex sindaco Calogero Sodano era stato già giudicato in sede penale, come ricorda l’Ansa. L’accusa mossa nei confronti di Sodano era quella di avere come sindaco cercato di sterilizzare la repressione dell’abusivismo edilizio, per questo era stato condannato con sentenza definitiva a un anno di reclusione per abuso d’ufficio. La Corte dei conti lo aveva poi condannato, in un giudizio separato, a risarcire il Comune per danni d’immagine riducendo a centomila euro la richiesta iniziale della Procura regionale di 380 mila euro. Anche in appello la condanna era stata confermata. Sodano aveva però presentato un nuovo ricorso straordinario, che ora e’ stato rigettato. I giudici non hanno ritenuto fondata la sua tesi secondo cui non avrebbe mai ricevuto dal Comune alcuna diffida o messa in mora.