Porto Empedocle, nuovi posti di lavoro all’Enel: raggiunto accordo coi sindacati



Dopo lunghe trattative FILCTEM CGIL – FLAEI CISL– UILTEC UIL della Sicilia hanno trovato una intesa con Enel Produzione sul futuro modello organizzativo per la Centrale di Porto Empedocle interessata ad una modifica dell’impianto indispensabile per migliorare l’impatto ambientale (prescrizione AIA) e per dare più sicurezza e stabilità all’intero sistema elettrico dell’isola.
“L’introduzione del futuro gruppo turbogas in ciclo semplice a gas naturale, grazie alla lungimiranza dell’accordo sottoscritto, non avrà quindi – secondo una nota congiunta FILCTEM CGIL – FLAEI CISL– UILTEC UIL – impatti occupazionali negativi sul sito, anzi, permetterà di utilizzare al meglio le risorse professionali presenti.
In aggiunta l’azienda e le organizzazioni sindacali hanno concordato di procedere a nuove assunzioni sul sito di Porto Empedocle; al riguardo l’azienda si è dichiarata già disponibile ad effettuare le prime tre entro l’anno in corso”.
Così prosegue la nota di FILCTEM CGIL – FLAEI CISL– UILTEC UIL: “Per i lavoratori ed il territorio questa intesa rappresenta un segnale fortemente positivo che consolida i rapporti tra Sindacato e Azienda che hanno deciso di trovare idonee soluzioni in questa fase complessa e complicata del sistema produttivo elettrico in Sicilia garantendo il mantenimento dei posti di lavoro.

Porto Empedocle, conversione Enel in turbogas: attesa autorizzazione

Rimane ancora da definire l’iter autorizzativo da parte del competente Assessorato Regionale per la realizzazione del metanodotto a cura di Snam Rete Gas (essenziale affinchè tutto il progetto si realizzi), nonché tutta una serie di autorizzazioni per le quali le organizzazioni sindacali della Sicilia auspicano un atteggiamento responsabile da parte della politica siciliana e del Comune di Porto Empedocle. E’ necessario che si riducano i tempi di attesa e si renda possibile, a chi vuole investire in questa terra, di poterlo fare nei modi e nei tempi stabiliti.
Le organizzazioni sindacali, nel dichiarare il loro massimo grado di attenzione sulla tematica che investe Porto Empedocle, hanno preso atto della disponibilità dell’azienda a proseguire nell’investimento pur in presenza delle difficoltà sopra citate. Le stesse si sono dichiarate disponibili a svolgere la propria azione sinergica a tutela del sito e dell’occupazione diretta ed indotta che l’investimento dell’Enel è in grado di determinare”.

Segui Comunicalo.it anche su Facebook