Pd Sicilia, Raciti: “Non basta ‘antimafia’ a nascondere difficoltà”

assemblea pd”Nel corso dei mesi le difficolta’ si sono fatte via via piu’ grandi e piu’ evidenti, come piu’ evidente si e’ fatto il rischio di un isolamento del governo nei confronti di segmenti sempre piu’ larghi della societa’ siciliana: non bastera’ l’impegno antimafia a mascherare le difficolta’. Lo ha detto nel proprio intervento all’assemblea regionale del Pd il segretario regionale Fausto Raciti parlando del governo siciliano. ”Serve insomma – ha aggiunto -, senza rinnegare i passi in avanti, pure importanti, di questo primo anno, segnare un momento di svolta profonda nei rapporti con la societa’ siciliana, da un lato, in quello con le altre istituzioni, prima di tutto l’assemblea regionale dall’altro”.


Per Raciti ”la sfida del governo non puo’ essere vissuta nella logica della normale alternanza tra forze politiche e dell’ordinaria amministrazione. E’ per questo che non ci e’ concesso fare sconti a noi stessi ma cercare, con tutte le forze che abbiamo, di fare di questa occasione un momento di svolta nella vita della sicilia”.


”Fortissimi – ha detto – restano i blocchi conservatori dispiegati a tutela dei propri interessi, fortissima la tentazione di fare della nostra autonomia il pretesto per mantenere viva la contraddizione di una regione profondamente diseguale ed ingiusta con i suoi figli non in virtu’ delle durezze delle cosiddette leggi del mercato, ma di un modello economico nel quale un settore pubblico ipertrofico e spesso governato dalle leggi dell’intermediazione della burocrazia e della politica ha sopperito alla debolezza del settore privato e dell’economia produttiva. In cui il centralismo regionale e’ stato lo strumento di garanzia di questo sistema. In cui nemmeno l’autonomia regionale sara’ sufficiente, se non imbocchiamo la strada giusta, a spegnere la miccia delle tensioni sociali che covano e minacciano continuamente di esplodere”.(ANSA)